Nuovi mercati

Avvocati in corsa per iscriversi all’elenco di esperti di marchi e brevetti

Fino al 13 aprile aperti gli elenchi gestiti dagli Ordini per consulenti esperti in proprietà industriale. Gli sbocchi possibili

di Adriano Lovera

default onloading pic
(Kzenon - stock.adobe.com)

Fino al 13 aprile aperti gli elenchi gestiti dagli Ordini per consulenti esperti in proprietà industriale. Gli sbocchi possibili


3' di lettura

Se in tempi di emergenza sanitaria la produzione industriale va a singhiozzo, c’è un settore su cui si può tranquillamente continuare a lavorare: gli asset intangibili, come marchi e brevetti. Ma bisogna prestare attenzione alle scadenze: agli avvocati resta poco tempo per chiedere l’iscrizione all’elenco di esperti in proprietà industriale tenuto dall’Ordine.

Leggi anche

L’attenzione dell’impresa verso la tutela della proprietà intellettuale sarà importante anche per ripartire nei prossimi mesi, specialmente da parte delle aziende proiettate verso l’estero. «L’innovazione e la tutela della proprietà intellettuale sono fondamentali per consentire al sistema produttivo di tornare ad essere competitivo sui mercati esteri» secondo il segretario generale di Unioncamere, Giuseppe Tripoli. «Gli investimenti nello sviluppo dei prodotti dell’attività intellettuale rappresentano ormai il 16,3% di quelli complessivi».

Questa maggiore sensibilità apre sempre più spazi per i professionisti incaricati di occuparsi di questa tutela, consulenti e avvocati. Particolare importanza assume il bando “Voucher 3I - Investire in innovazione”, finanziamento gestito del Mise, perché è uno dei rari casi in cui l’erogazione del contributo sia rivolta direttamente al professionista, o studio associato, che assiste l’impresa beneficiaria. Voucher 3I si occupa esclusivamente di sostenere l’ambito dei brevetti, per ricerche di anteriorità e per domande di registrazione in ambito nazionale o internazionale. Il contributo è compreso tra 2mila e 6mila euro a seconda dell’attività da svolgere.

Nelle scorse settimane, sia l’Ordine dei consulenti in proprietà industriale sia il Consiglio nazionale forense erano chiamati a istituire gli elenchi dei professionisti che dovranno fornire questi servizi di consulenza. Nel caso dell’Ordine, le prime candidature sono pervenute dal 25 febbraio al 15 marzo. E dopo questa prima finestra, se ne aprirà una nuova tra sei mesi, intorno a metà settembre.

Nel caso degli avvocati, invece, la chiamata è ancora aperta e il termine per la presentazione delle prime domande è il prossimo 13 aprile. Anche in questo caso, dopo sei mesi è prevista una nuova chiamata. Per entrambe le figure, non ci sarà una selezione basata su criteri particolari, ma semplicemente la creazione di un elenco sulla base delle domande. Per i consulenti, l’unico requisito è l’iscrizione all’albo alla sezione “brevetti”. Per gli avvocati, si tratta in sostanza dell’autocertificazione di aver maturato adeguata esperienza negli ambiti previsti.

Ma più che gli aspetti formali, conta la sostanza. «Queste misure possono essere un buon incentivo per le imprese, per dare valore e protezione alle loro idee e invenzioni» dice Anna Maria Bardone, presidente dell’Ordine dei consulenti in proprietà industriale. Ma sono interessanti anche per i professionisti. «Infatti i compensi che la misura riserva ai professionisti sono del tutto vicini ai valori di mercato correnti» aggiunge la presidente.

I bandi aperti

Oltre a Voucher 3I ci sono altri bandi da tenere d’occhio perché, a causa dell’emergenza sanitaria in corso, le date comunicate in precedenza sono state prorogate. In tema di marchi, sta per tornare operativa la misura Marchi +3, inizialmente sospesa per un eccesso di domande rispetto alla dotazione. Il bando, ora con un plafond da 9,5 milioni di euro, favorisce la registrazione di marchi presso l’ufficio europeo Euipo e quello mondiale Ompi da parte delle piccole e medie imprese. Le domande potranno essere spedite a partire dal 6 maggio.

Accanto a questo, c’è Disegni+, incentivo riconosciuto alle Pmi per l’acquisto di servizi specialistici finalizzati alla valorizzazione di disegni e modelli singoli o multipli. Ha una dotazione di 13 milioni e le domande in questo caso possono essere presentate a partire dal 22 aprile.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...