accessori

Babusch, un intero viaggio racchiuso in una sola pochette

Irene Zerbetto crea borse artigianali ispirate ai suoi viaggi, realizzate con stoffe e passamanerie originali e da abbinare a capsule collection

di Paola Dezza


default onloading pic
Collezione Vienna Babusch

2' di lettura

Viaggiare per piacere e unire al viaggio la scoperta di eccellenze artigianali locali. È nata così la passione di Irene Zerbetto, che realizza pochette uniche fatte a mano con il suo marchio Babush. Medico appassionato della sua professione, Irene ha saputo mettere a sistema la propria passione per il fashion e per il mondo degli accessori. Nei suoi viaggi intorno al mondo riesce a scovare stoffe uniche utilizzate per un solo esemplare di borsa.

«Ho iniziato per gioco dopo un viaggio in Africa, realizzando borse per me stessa - racconta -, le borse sono piaciute alle mie amiche e alle colleghe. La richiesta sempre maggiore mi ha spinta a inventare un brand. Ogni anno realizzo due collezioni, una invernale e una estiva, che si distinguono per le stoffe».

Irene Zerbetto

Il nome curioso del brand prende spunto dal vezzeggiativo che il figlio di Irene usa per chiamare il padre. Un nome che comprende oggi circa 30-40 borse a collezione. «Sono una viaggiatrice e girando il mondo ho cercato di riportare in valigia una parte dei Paesi che ho visitato; stoffe preziose e variopinte, diverse tra loro e tutte ricordo di una parte di mondo», spiega.

Da allora ogni viaggio è lo spunto per creare una nuova collezione Babusch, che si estende anche in una capsule collection abbinata di magliette e altri capi ideati e realizzati in tiratura limitata. Qualche esempio? La collezione Miami si è arricchita di costumi da bagno. «Per ciascuna Babusch ho pensato a passamanerie, catene diverse, rifiniture e ornamenti differenti, perché ogni donna è unica», dice Irene.

Il sarto che realizza le borse ha lavorato per Armani, ma il laboratorio è artigianale. La rifinitura, in termini di bottoni e catene, avviene in Italia.
«La prossima collezione autunno-inverno si chiamerà Vienna, con passamanerie gioiello acquistate nella città austriaca - racconta ancora Irene con passione -. Le pochette avranno anche paillettes e pietre preziose, in uno stile che richiama il barocco. Ho creato 40 pochette e ne ho realizzate altre venti solo per le feste natalizie».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...