AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.Scopri di piùla controllata spagnola quotatA Sull'Ibex35

Balzo Mediaset Espana: Madrid primo step del polo Ue delle tv?

di Andrea Fontana

2' di lettura

Balzo a Madrid di Mediaset Espana sull'ipotesi che proprio dalla Spagna prenda il via il progetto del gruppo Mediaset di creazione di un polo europeo della televisione. Le quotazioni della società iberica - di cui Mediaset detiene il 51,6%, quota in carico a 837,7 milioni nel consolidato 2017 - sono in forte aumento. Il prezzo è comunque ai livelli minimi da aprile 2013 rendendo quindi appetibile un blitz da parte della capogruppo per riacquistare le quote di minoranza. Secondo quanto riportato da Il Sole 24 Ore «l'unione delle due realtà» già in casa Mediaset, cioè l'Italia e la Spagna, sarebbe la prima mossa allo studio per procedere poi con l'aggregazione con un gruppo quotato presente in altri mercati europei. In questo senso, la preferenza sarebbe per un player tedesco, quindi Prosiebensat su cui Mediaset mise già gli occhi nel 2006 partecipando a un'asta che si conclude con l'acquisizione della società da parte dei private equity Kkr e Permira.

A settembre Cologno smentì progetto di delisting
Dalla scorsa estate i vertici di Mediaset hanno apertamente fatto riferimento alla necessità di riprendere in mano il dossier di un polo europeo dei broadcaster dopo lo stop al piano iniziale, partorito nel 2016, basato sull'alleanza con Vivendi. Tuttavia a settembre Cologno Monzese ha smentito l'esistenza di un progetto di delisting di Mediaset Espana. Ai prezzi attuali il 100% di Mediaset Espana vale in Borsa 1,82 miliardi di euro pertanto un'offerta della capogruppo ai livelli attuali per arrivare a detenere l'intero capitale comporterebbe un esborso di circa 880 milioni di euro. A Piazza Affari, Mediaset arretra dell'1,3%. «Il tema di una possibile integrazione con altri operatori europei è sul tavolo da diversi mesi e apprezzata dal mercato per le sinergie su produzioni di contenuti e sviluppo tecnologico, in una fase in cui il settore soffre la competizione di Search&social sulla raccolta pubblicitaria e la penetrazione dei servizi OTT, come Netflix, Prime Video e l`avvio di Facebook watch» è il commento di Equita Sim.

Loading...

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti