FINANZA

Banca Profilo lancia un fondo che investe in student housing

Il prodotto ha un orizzonte temporale di 5 anni e rendimenti dell’8-10 per cento

di Paola Dezza


default onloading pic
(aharond - stock.adobe.com)

2' di lettura

Asset immobiliari alternativi che diventano parte integrante dell’offerta di investimenti per la clientela. È così che Banca Profilo ha scelto di puntare sul segmento dello student housing, oggi che trovare investimenti redditizi diventa sempre più complesso, mentre la liquidità in circolazione aumenta. «L’investimento in residenze per studenti si inserisce nell’ambito dei club di investimenti che Banca Profilo propone dal 2009 ai propri clienti – spiega Fabio Candeli, amministratore delegato di Banca Profilo –. Tali investimenti opportunistici, per via della scomparsa dei rendimenti tradizionali, sono diventati un tema di rilevanza strategica per la banca». Che si è così strutturata con tre team dedicati che seguono gli investimenti nei private market finanziario, industriale e immobiliare. Puntando alla decorrelazione tra le varie asset class per ridurre l’impatto di eventuali crash dei mercati.

Il fondo
Il fondo in fase di lancio punta a raccogliere 100 milioni di capitali e ha un obiettivo di rendimento intorno all’8-10% nei prossimi cinque anni.
«Cerchiamo investimenti che possano anticipare i macrotrend – dice ancora Candeli –. L’anno scorso per esempio ci siamo concentrati sul segmento delle Rsa in Germania». Oggi si assiste a un aumento della domanda di istruzione e quindi di conseguenza alla domanda di studentati. Secondo l’Unesco la domanda per educazione universitaria è prevista in crescita da 220 milioni nel 2017 a 330 milioni nel 2025.

«Il trend sottostante è quello della crescita della classe media a livello globale: ogni anno 140 milioni di persone entrano nel settore della classe media e uno dei primi desideri di questa fascia di popolazione è assicurare un’educazione ai propri figli – spiega l’amministratore delegato –. Educazione che per la maggior parte non trovano nel Paese originario». I flussi internazionali sono alimentati da studenti cinesi e indiani che rappresentano un terzo del totale e diretti ai Paesi anglosassoni ed europei.

Investimenti in crescita
Nel 2018 sono stati investiti nel settore dello student housing circa 16 miliardi di dollari, frazione minima del complessivo settore immobiliare globale, dato che gli investimenti immobiliari globali quello stesso anno sono arrivati a quota 1,75 trilioni di dollari.
Banca Profilo si muove quindi alla ricerca di opportunità di investimento e, una volta trovate, cerca il miglior operatore professionale in quell’ambito. Nel caso del fondo sugli studentati, il partner prescelto è Gsa, Global student accomodation, che vanta 28 anni di esperienza nel settore e gestioni pari a otto miliardi di dollari per più di 60mila posti letti in 44 diverse città.
«Il fondo non avrà limitazione geografiche per l’investimento – continua Candeli –, si tratta infatti di un prodotto globale che punta a una diversificazione, con un primo focus su Australia, Irlanda, Spagna e Germania, ma allo studio ci sono anche Paesi come Italia, Portogallo e Francia».
Il fondo parte nel primo trimestre del 2020 ed è già iniziata l’attività di raccolta.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...