PREZZI CROLLATI E RENDIMENTI AL 30%

Banche venete, il termometro della paura segna febbre alta

di A. Franceschi e F. Pavesi

default onloading pic


3' di lettura

C’è un termometro sensibilissimo che misura il rischio (e la paura) sulla delicata e complicata partita del salvataggio delle due banche venete, la Popolare di Vicenza e Veneto Banca. Quel termometro sono i prezzi su cui si muovono i bond delle due banche e nei giorni scorsi segnavano febbre alta. È l’unico indicatore di mercato, dato che le due banche non sono quotate, ma il loro debito è in mano a molti tra soci e investitori istituzionali. Quei prezzi sono letteralmente crollati mano a mano che la tensione saliva sulle incertezze del salvataggio.

Si riuscirà a fare la ricapitalizzazione precauzionale da 5 miliardi per mettere in sicurezza le due banche senza ferire gli obbligazionisti o si va dritto dritto al bail in con le ferite che verrebbero inferte non solo ai bond subordinati ma anche ai bond senior? Quesiti e paure che si riflettono molto bene su quel termometro che sono i prezzi delle obbligazioni. In particolare di quelle di grado «senior».

Loading...

Quelle in teoria più sicure ma che non lo sono più se il piano della ricapitalizzazione precauzionale (sul copione di Mps) dovesse andare a monte e si dovesse aprire la strada all’ipotesi più traumatica: il bail-in, cioè il salvataggio della banca a carico dei suoi creditori (compresi obbligazionisti senior e correntisti oltre i 100mila euro). Ad osservare i prezzi dei titoli con grado senior si capisce chiaramente come il mercato in questa fase stia chiaramente prezzando anche l’ipotesi peggiore.

Basti prendere a titolo di esempio il bond della Vicenza quotato sull’Extramot e che scade a ottobre del 2018. È un’obbligazione senior con cedola al 5% e fu emessa nel 2013. In teoria un bond sicuro, non è un subordinato. Ebbene a fine gennaio quotava tranquillamente a 98. Da allora il crollo quasi senza fine. Da fine gennaio al 15 marzo è sceso da 98 a 75. Un calo cosi consistente equivale a una fuga massiccia. Era il mese e mezzo in cui era in corso l’operazione di transazione con il ristoro del 15% offerto ai vecchi azionisti che avessero rinunciato alle cause legali. Un’operazione vitale per stabilire se le due banche (tolte di mezzo le cause legali) avessero il requisito della solvibilità. Come si sa se non dimostri di essere solvibile non puoi chiedere la ricapitalizzazione precauzionale che mette al riparo dalla tagliola del bail in.

Da metà marzo il rimbalzo per sei sedute a riacciuffare quota 85, per poI riprecipitare a quota 78 fatta segnare il 31 marzo. Siamo di fatto su nuovi minimi storici per il bond 2018 della Vicenza che ha toccato qui livelli solo a fine novenbre del 2016. Quel prezzo indica rendimenti stellari di oltre il 30%. Rendimenti a rischio alto, altissimo.

I BOND SENIOR DI BPVI

Prezzi dei bond senior Bpvi con scadenza 2018, 2019 e 2020. (Fonte: S&P Market Intelligence)

Loading...

Stesso discorso vale per un bond con cedola al 4% emesso da Veneto Banca a maggio di tre anni fa che scade il 20 maggio 2019 che a gennaio quotava intorno a 90 punti e che oggi tratta a 77 punti. Se volessero liquidare il loro investimento (a patto di trovare un compratore) i titolari dei 500 milioni di questa obbligazione dovrebbero andare incontro a una perdita secca del 23 per cento. Rischiano di perdere il 40% invece i sottoscrittori di un bond emesso sempre da Veneto Banca che ha scadenza molto più ravvicinata: 21 giugno 2017 il cui prezzo è sceso a 60 punti.

I BOND SENIOR DI VENETO BANCA

Prezzi dei bond senior Veneto con scadenza 2017, 2018 e 2019. (Fonte: S&P Market Intelligence)

Loading...

I bond senior emessi dalle due banche venete che trattano a prezzi vicino la parità sono le due emissioni da 1 miliardo e 750 milioni di Veneto Banca con scadenza 2019 e 2020 e quella da 3 miliardi della Popolare di Vicenza con scadenza febbraio 2020. C’è una differenza però: sono bond con la garanzia statale che i due istituti hanno potuto emettere grazie al piano salva-banche varato dall’esecutivo alla fine del 2016.

Questo il panorama a ieri. Molto dipenderà dal giudizio di solvibilità che la Bce deve esprimere nei prossimi giorni sulle due banche venete. Se ottenessero l’ok da Francoforte significherebbe via libera all’intervento precauzionale. Questo annullerebbe ogni paura sui bond senior. Se così sarà c’è da scommettere su un rapido rialzo delle quotazioni da scampato pericolo.

Veneto Banca e Popolare di Vicenza: salve ma con operatività al lumicino

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti