ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùBanche

Banco Bpm scatta a Piazza Affari, se vende Pos per analisti compratore naturale è Nexi

Il direttore finanziario Edoardo Ginevra ha spiegato che l'istituto sta valutando una cessione o una partnership per l'attività merchant acquiring

di Paolo Paronetto

1' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Banco Bpm tra i titoli sotto i riflettori a Piazza Affari. Le quotazioni dell'istituto sono arrivate a guadagnare circa tre punti, in un FTSE MIB in progresso. Venerdì il direttore finanziario Edoardo Ginevra ha spiegato che l'istituto sta valutando una cessione o una partnership per l'attività merchant acquiring, i Pos per i pagamenti negli esercizi commerciali. Si tratta di una strategia già adottata negli ultimi mesi da istituti come Intesa Sanpaolo e Bper: entrambi hanno venduto il business a Nexi.

«La nostra ipotesi è che l'utile operativo del merchant acquiring sia tra i 35 e i 40 milioni e quindi applicando multipli simili alle transazioni di Intesa e Ubi, vale a dire 10/11 volte in termini di enterprise value/ebitda, la vendita potrebbe valere circa 350 milioni», calcolano gli analisti di Equita. «Crediamo - aggiungono - che Nexi sia il compratore naturale». A Piazza Affari Nexi segna +1,05% a 10,15 euro. Vendite o partnership in questi settori di attività, confermano da Intesa Sanpaolo, «sono strategie adottare da molte banche italiane che hanno ottenuto significative plusvalenze». «Vedremmo positivamente l'aumento della remunerazione ai soci di Banco Bpm, che è al momento meno generosa di quella dei competitor», aggiungono.

Loading...
Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti