ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùIncentivi per le famiglie

Banda larga, pronto il piano per i voucher da 300 euro senza limiti Isee

Il bonus sarà senza limite di Isee, fino ad esaurimento del fondo da 407 milioni di euro. Gli incentivi saranno estesi ai condomìni per il cablaggio degli edifici e ai servizi per il cloud

di Carmine Fotina

(AdobeStock)

3' di lettura

Voucher per le famiglie senza distinzione di reddito, bonus condomìni per la fibra ottica e incentivi per servizi cloud. Prendono forma i nuovi interventi di sostegno alla diffusione della banda ultralarga, contenuti per ora in una consultazione pubblica di Infratel, la società in-house del ministero dello Sviluppo economico che gestisce il piano. Dopo le osservazioni degli operatori, si procederà con un decreto del ministero che ripartirà anche le risorse tra i vari interventi. A disposizione ci sono 407,5 milioni a valere sul Fondo nazionale sviluppo e coesione e riservati per l’80% alle regioni del Mezzogiorno. Le quote più alte sono destinate a Sicilia (81,5 milioni), Campania (75,9) e Puglia (32,8).

La misura per le famiglie

Per le famiglie si prevedono voucher del valore di 300 euro, senza limiti basati sull’Isee (indicatore di situazione economica equivalente) a differenza della prima tornata di contributi che era partita a novembre 2020 e si è chiusa un anno dopo. Il valore di 300 euro, chiarisce Infratel, è stato definito in base a una valutazione dei prezzi delle offerte sul mercato, stimando che con questo contributo sia possibile coprire in media fino al 50% di un contratto che garantisca un servizio di banda ultralarga fino a 24 mesi.

Loading...
LE RISORSE PER REGIONE
Loading...

Come funzionerà il bonus

Potranno accedere al contributo, fino ovviamente a esaurimento delle risorse, le famiglie che sono completamente prive di un servizio di connettività oppure che passano da un contratto con prestazione inferiore a 30 megabit per secondo a un servizio superiore. Se nell’edificio arriva più di una rete a banda ultralarga, il voucher potrà essere erogato solo per l’offerta a maggiore velocità tra quelle disponibili e, comunque, sarà riconosciuto un solo contributo per ciascun nucleo familiare presente nella stessa abitazione. Non ci sarà l’obbligo di rimanere vincolati al contratto per il quale si è beneficiato del voucher e resterà il diritto di recesso, perdendo però in questo caso il diritto alla quota residua dell’incentivo.

La consultazione pubblica preparata dalla società guidata da Marco Bellezza prevede anche che, su esigenze indicate dalle singole Regioni, possano essere introdotte limitazioni territoriali, ad esempio per dare priorità a territori più svantaggiati.

Il voucher condomìni

La fase 1 dei voucher, che era riservata a famiglie con Isee fino a 20mila euro e legata anche alla concessione di un pc o un tablet, non ha funzionato come da attese e ha visto l’assorbimento solo di 107 milioni su 200 milioni stanziati, con i residui dirottati poi sugli incentivi per le Pmi. La fase 2, senza limiti Isee, presenta come novità anche l’estensione dei fondi ad altre due agevolazioni: per il cablaggio verticale dei condomìni e per i servizi cloud. I condomini dovranno essere collegati con la fibra ottica e dovrà essere raggiunto ogni singolo appartamento. In questo caso va ancora stabilità l’entità del bonus e nella consultazione pubblica Infratel chiede agli operatori di esprimere una posizione sulle modalità di quantificazione del costo dell’intervento.

Bonus anche su Spid e cloud

La terza voce di finanziamento riguarda i servizi digitali, a supporto dell’attivazione dello Spid (sistema pubblico di identità digitale), dei servizi di posta elettronica certificata e di servizi cloud. In questo caso beneficiari sarebbero direttamente i fornitori dei servizi. Per quanto riguarda lo Spid, il contributo riguarderebbe solo il caso in cui l’operatore prevede un’attivazione a pagamento. Più articolato l’intervento in programma per i servizi cloud, che si punta a incentivare o per il singolo beneficiario o in ottica di pacchetto famiglia per la gestione e l’archiviazione di contenuti multimediali.

Il bando per le isole minori

Infratel nel frattempo ha comunicato l’aggiudicazione a favore di Elettra tlc Spa del bando di gara per il collegamento in banda ultralarga delle isole minori. Elettra tlc è una società del gruppo francese Orange, specializzata nell’impiego di navi per la posa di cavi sottomarini, e avrà Prysmian come partner per la fornitura dei cavi. L’intervento pubblico per la copertura delle isole minori, previsto dal Piano nazionale di ripresa e resilienza e aggiudicato per 45,6 milioni, era stato bandito una seconda volta dopo la prima gara andata deserta.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti