entrate tributarie in calo a 31,6 mld

Bankitalia, debito Pa: a giugno nuovo massimo a 2.281,4 miliardi

(Pierpaolo Scavuzzo / AGF)

1' di lettura

Nuovo massimo per il debito delle Amministrazioni pubbliche. A giugno, infatti, il debito è salito a 2.281,4 miliardi, in aumento di 2,2 miliardi rispetto al mese precedente. Lo rende noto la Banca d'Italia nel fascicolo "Finanza pubblica, fabbisogno e debito", sottolineando che nei primi sei mesi del 2017 le entrate tributarie sono scese a 31,6 miliardi, il 5,8% in meno rispetto allo stesso periodo del 2016.

Bankitalia rialza stime Pil. Padoan,ora debito scendera'

Amministrazioni centrali, debito a +4%
Bankitalia spiega che l'incremento del debito « ha riflesso il fabbisogno delle amministrazioni pubbliche (8,4 miliardi), in parte compensato dalla diminuzione delle disponibilità liquide del Tesoro (per 6,3 miliardi a 52,6 ed erano pari a 92,5 miliardi alla fine di giugno 2016); l'effetto complessivo degli scarti e dei premi all'emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all'inflazione e della variazione del tasso di cambio ha incrementato il debito di 0,1 miliardi». Per quanto riguarda i sottosettori, precisa Bankitalia, il debito delle amministrazioni centrali è aumentato di 4 miliardi, quello delle amministrazioni locali è diminuito di 1,9 miliardi, mentre il debito degli enti di previdenza è rimasto pressoché invariato.

Loading...

Entrate tributarie in calo del 5,8%
A giugno le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato, dice ancora Bankitalia, sono state pari a 31,6 miliardi (inferiori di 13,5 miliardi a quelle rilevate nello stesso mese del 2016) e nei primi sei mesi del 2017 sono state pari a 186 miliardi, in diminuzione del 5,8% rispetto al corrispondente periodo del 2016. Palazzo Koch evidenzia come «il peggioramento è principalmente imputabile allo slittamento delle scadenze per il versamento di alcune imposte».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti