Sostenibilità

Bankitalia verso la produzione di banconote green: smaltimento solo nei termovalorizzatori

Rapporto ambientale della Banca d’Italia: l’obiettivo è ridurre l'impatto ambientale connesso con la produzione, la distribuzione, il ricircolo e lo smaltimento delle banconote in euro

di Carlo Marroni

L'alfabetizzazione finanziaria, arma contro le truffe sul web

3' di lettura

La “svolta” ambientale della Banca d'Italia non è solo negli investimenti di portafoglio, ma anche nella produzione di banconote. L'obiettivo è ridurre l'impatto ambientale connesso con la produzione, la distribuzione, il ricircolo e lo smaltimento delle banconote in euro. In questo senso è partito un gruppo di lavoro dentro la Bce per definire tutti i fattori che influenzano l'impronta ecologica delle banconote in euro in tutte le fasi del relativo ciclo di vita: produzione, distribuzione, circolazione, distruzione e smaltimento. E intanto si parte con il recupero energetico delle banconote destinate al macero: entro il 2022 l'Istituto si adeguerà alle indicazioni della BCE inviando a impianti di termovalorizzazione la quota residuale di banconote logore attualmente smaltita in discarica. Nel 2020 la quota inviata a impianti di termovalorizzazione o a impianti per la produzione di combustibile solido secondario è stata pari al 90 per cento; la percentuale è dell'86 per cento se si considerano solo le banconote logore triturate a valle del processo di selezione.

Nel 2020 scesi i rifiuti da banconote triturate

Il rapporto ambientale della banca precisa che i rifiuti costituiti da banconote triturate, lo scorso anno, sono scesi a 611mila chili contro gli 852mila del 2019. Sul fronte della produzione di banconote presso lo stabilimento produttivo, gestito dal Servizio Banconote, la banca è impegnata su diversi aspetti: dalla riduzione dei consumi a quella dei rifiuti speciali originati. Gli impianti fotovoltaici, installati presso lo stabilimento di produzione delle banconote e sugli edifici che ospitano le Filiali di Catania e di Catanzaro, hanno consentito nell’anno la produzione di energia elettrica in autonomia di oltre 67.000 kWh.

Loading...

L'obiettivo dei processi di produzione di banconote: ridurre l'impatto ambientale

L'approfondimento avviato in sede Bce mira a individuare i processi sui quali è possibile agire per ridurre l'impatto ambientale del contante e a valutarne la sostenibilità anche nel confronto con gli altri strumenti di pagamento. In una prima fase Francoforte ha coinvolto nell'indagine tutti gli attori della filiera delle materie prime (cartiere, produttori di inchiostri, ecc.); nel 2021 lo studio è stato esteso anche alle attività di distribuzione, ricircolo, distruzione e smaltimento, coinvolgendo le società di servizi e gli istituti di credito che hanno un ruolo chiave nella circolazione del contante. Nel corso del 2021 sarà redatto un rapporto sulle azioni messe in atto dalle banche centrali dell'Eurosistema per migliorare i profili di sostenibilità ambientale delle banconote. La Banca d'Italia provvede alla stampa delle banconote presso lo stabilimento produttivo, gestito dal Servizio Banconote, che è dotato dal 2004 della certificazione ambientale ai sensi della norma ISO 14001. Nel corso del 2020 è stata attuata la prevista fusione dei sistemi di gestione nel nuovo sistema di gestione integrato qualità, ambiente, salute e sicurezza sul lavoro.

Ricerca di un partner industriale per produrre lastre per la stampa calcografica

Inoltre è in corso la ricerca di un partner industriale per lo sviluppo del progetto relativo alla produzione di lastre per la stampa calcografica attraverso un sistema di incisione laser alternativo all'attuale processo galvanico: questa innovazione tecnologica consentirà di ridurre la produzione di rifiuti pericolosi e le emissioni in atmosfera nonché di conseguire benefici sotto il profilo della salute e della sicurezza dei lavoratori. Prosegue il piano di ammodernamento dell'impianto di depurazione dei reflui industriali dello stabilimento: sono in corso di svolgimento le gare per il rinnovo del sistema di supervisione e per l'installazione di misuratori nel continuo degli inquinanti. Nell'ultimo quinquennio oltre i tre quarti dei rifiuti speciali originati dal processo di produzione delle banconote sono stati inviati a impianti di recupero. Sono in corso approfondimenti per ridurre la produzione dei rifiuti attraverso il riutilizzo sia degli imballaggi di legno sia dei panni usati per la pulizia delle macchine da stampa.


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti