AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.Scopri di piùIL BOLLETTINO

Bankitalia: se si ferma Covid-19 ripresa lenta. Le famiglie le più colpite. Imprese pessimiste

L'istituto di Via nazionale: se riparte il contagio effetti su fiducia e decisioni di spesa di famiglie e imprese

di Carlo Marroni

default onloading pic
(foto Ansa)

L'istituto di Via nazionale: se riparte il contagio effetti su fiducia e decisioni di spesa di famiglie e imprese


5' di lettura

Crolla il Pil (come previsto), esplode il debito (era nelle cose), la disoccupazione vola. Ma se il contagio si fermerà o sarà comunque sotto controllo il secondo semestre sarà un po’ meglio. Infatti «in uno scenario di base, in cui si presuppone che la diffusione della pandemia rimanga sotto controllo a livello globale e in Italia, il PIL si contrarrebbe del 9,5 per cento nella media di quest’anno, interamente a causa della riduzione registrata nel primo semestre, e recupererebbe nel prossimo biennio (4,8 per cento nel 2021 e 2,4 nel 2022)».

La Banca d’Italia, nel Bollettino economico, osserva che «la ripresa sarebbe graduale: effetti persistenti sui consumi delle famiglie deriverebbero dal calo dell’occupazione e del reddito disponibile, ancorché mitigato dalle misure di sostegno; il peggioramento delle prospettive di domanda e della fiducia delle imprese inciderebbe sugli investimenti, la cui caduta nel 2020, segnalata anche dai sondaggi della Banca d'Italia, verrebbe in parte recuperata nel biennio 2021-22.

Se riparte il contagio effetti su fiducia e decisioni di spesa di famiglie e imprese

Ma questo se le cose rispetto al Covid-19 andranno bene. Altrimenti «sviluppi più negativi rispetto a quelli delineati nello scenario di base potrebbero manifestarsi se emergessero nuovi rilevanti focolai epidemici a livello nazionale o globale, i cui effetti potrebbero ripercuotersi sulla fiducia e sulle decisioni di spesa di famiglie e imprese e tradursi in un calo più consistente del commercio mondiale, in interruzioni nelle catene globali di produzione o in un deterioramento delle condizioni finanziarie. In uno scenario più severo si valuta che il prodotto potrebbe scendere di oltre il 13 per cento quest’anno e recuperare nel prossimo biennio in misura più moderata rispetto allo scenario di base». Per Bankitalia «un miglioramento delle prospettive di crescita rispetto agli scenari qui delineati potrebbe tuttavia derivare dal rafforzamento delle politiche espansive attualmente in esame». A partire dal Recovery fund dell’Ue.

Una “mina” nei conti pubblici italiani. L'impatto positivo degli interventi governatici del 2% del Pil

Ma c’è una mina da 500 miliardi sulle finanze pubbliche italiane. Gli economisti di via Nazionale calcolano che «l’ammontare delle garanzie pubbliche attivabili sulla base delle misure finora varate è di oltre 500 miliardi, circa sei volte il valore di quelle in essere alla fine del 2019. Data la gravità della crisi e l’incertezza sui tempi e sull’intensità della ripresa dell’attività economica - si legge in un’analisi sulle risposte della politica di bilancio all’emergenza - , la probabilità di una futura escussione di tali garanzie è verosimilmente più elevata che in condizioni normali. Gli oneri per le finanze pubbliche quindi, seppure distribuiti su più esercizi, potranno essere significativi». Inoltre nelle proiezioni di Bankitalia è incluso l’impatto del “Cura Italia” e del “Dl Rilancio” che ammontano complessivamente a circa il 4,5% del Pil. «Si stima che tali interventi, in larga misura temporanei, possano attenuare la caduta del prodotto per oltre due punti percentuali quest’anno».

Il 90% delle imprese sente peggiorata la situazione economica

Per quanto riguarda le imprese, secondo i risultati dell’indagine condotta dalla Banca d’Italia in giugno, circa il 90 per cento delle aziende ritiene peggiorata la situazione economica generale (cfr. Indagine sulle aspettative di inflazione e crescita, Banca d’Italia, Statistiche, che sarà pubblicata il prossimo 13 luglio). Tuttavia a partire da maggio sono emersi segnali di recupero, come suggerito dalle inchieste dell’Istat sulla fiducia delle imprese e dal deciso aumento degli indici dei responsabili degli acquisti (purchasing managers' index, PMI) nel settore manifatturiero. Più della metà delle imprese si attende un calo della domanda per i successivi tre mesi anche nell’indagine di giugno, ma il saldo negativo tra le aspettative di riduzione e quelle di aumento si è fortemente ridimensionato rispetto alla precedente rilevazione, passando da -46,4 a -4,8. La media delle aziende dei servizi e dell’industria in senso stretto stima che la propria attività ritorni ai livelli antecedenti la crisi sanitaria in circa nove-dieci mesi. Nei tre mesi fra marzo e maggio la crescita dei prestiti bancari alle imprese «è decisamente aumentata», con un +11,5% su base annua (+23 miliardi), beneficiando «degli interventi di sostegno alla liquidità da parte del governo e degli altri organismi nazionali e internazionali».

Cala spesa famiglie, aumenta il risparmio. Previsto ancora calo dell’Euribor

Sul fronte delle famiglie Bankitalia stima che la spesa, fortemente diminuita nel primo trimestre a seguito delle misure di contenimento dell'epidemia, abbia continuato a flettere anche in aprile, per recuperare parzialmente in maggio. Le indagini più recenti suggeriscono che la contrazione del reddito disponibile, l'incertezza e il conseguente aumento del risparmio precauzionale potrebbero pesare sui consumi nel resto dell'anno. Nel primo trimestre la spesa delle famiglie residenti è scesa del 6,6 per cento sul periodo precedente. Il calo è stato più pronunciato per i consumi di beni semidurevoli e durevoli. Il reddito disponibile delle famiglie in termini reali è diminuito dell'1,7 per cento rispetto al trimestre precedente , riflettendo la riduzione dei redditi da lavoro. La propensione al risparmio è aumentata decisamente, al 12,5 per cento. Poi una stima che riguarda da vicino le famiglie con mutuo a tasso variabile: il tasso di interesse a tre mesi sul mercato interbancario (Euribor), pari a -0,4 per cento quest'anno, scenderebbe marginalmente, a -0,5, nel prossimo biennio.

Famiglie in difficoltà, difficoltà nel pagare le rate dei mutui

Metà delle famiglie intervistate nell'ambito di un'indagine straordinaria condotta dalla Banca d'Italia tra la fine di aprile e l'inizio di maggio si attende un peggioramento della propria condizione economica nei successivi dodici mesi e ha intenzione di rivedere la composizione dei consumi, riducendo le spese per turismo e attività ricreative2. I nuclei familiari con redditi più bassi, maggiormente colpiti dall'emergenza, segnalano difficoltà nel pagamento delle rate sui debiti esistenti e il timore di dovere intaccare il risparmio per sostenere le spese correnti.

Metà delle imprese pessimista: calo della domanda proseguirà

Più della metà delle imprese si attende un calo della domanda per i successivi tre mesi anche nell'indagine di giugno, ma il saldo negativo tra le aspettative di riduzione e quelle di aumento si è fortemente ridimensionato rispetto alla precedente rilevazione, passando da -46,4 a -4,8. La media delle aziende dei servizi e dell'industria in senso stretto stima che la propria attività ritorni ai livelli antecedenti la crisi sanitaria in circa nove-dieci mesi. Poco più di un quinto delle imprese reputa di avere già raggiunto o superato un fatturato comparabile con quello precedente la pandemia; il 3 per cento ritiene di non tornare a realizzare tali livelli di produzione. Nelle costruzioni il tempo necessario per un recupero completo dell'attività è in media stimato in otto mesi, mentre circa il 30 per cento delle imprese indica già livelli produttivi uguali o superiori a quelli prevalenti prima dell'epidemia. Il saldo fra i giudizi di miglioramento e di peggioramento delle condizioni per investire rimane negativo, sebbene in lieve recupero rispetto a quello della scorsa indagine.

Timidi segnali di ripresa del lavoro nel secondo trimestre

In maggio è tornata a salire la partecipazione al mercato del lavoro (0,9 per cento; -2,9 per cento in aprile). Il forte aumento dell'attività di ricerca di lavoro attraverso il motore di ricerca Google, registrato in giugno e luglio, prelude verosimilmente a una prosecuzione del recupero nei mesi estivi. La minore partecipazione nella media dei mesi di aprile e maggio si è riflessa in una sensibile riduzione del tasso di disoccupazione, che si è portato al 7,2 per cento (1,4 punti percentuali in meno rispetto al bimestre
precedente). Le indagini sulla fiducia delle imprese condotte dall'Istat in giugno segnalano per il trimestre successivo alla rilevazione l'aspettativa di un'ulteriore riduzione dell'occupazione, seppure meno accentuata nel confronto con quella desumibile dall'indagine di maggio.

Scenario drammatico per il turismo: nel 2022 ancora -25% sul 2019

Per quanto riguarda il turismo, Bankitalia stima che gli arrivi dei turisti stranieri, dopo essersi interrotti nel secondo trimestre, non aumentino in misura significativa nei mesi estivi e riprendano molto gradualmente a partire dalla fine dell'anno. Andamenti simili sono ipotizzati per il turismo italiano all'estero. Nel 2022 entrambi i flussi sarebbero ancora inferiori ai livelli del 2019 (di circa il 25 per cento)3. All'effetto diretto sul PIL delle minori esportazioni nette di servizi associati al turismo si accompagnano quelli indiretti connessi con la caduta dell'occupazione nel settore – in larga misura caratterizzata da bassi livelli di protezione – e la conseguente contrazione dei redditi e dei consumi. L'impatto negativo sulla crescita del prodotto è stimato in 2,5 punti percentuali di PIL quest'anno e in circa 0,9 nel 2021; solo nel 2022 si osserverebbe un parziale recupero, nell'ordine di mezzo punto percentuale.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti