street art

Banksy compare a Tokyo, si attende conferma su Instagram

di Marilena Pirrelli


default onloading pic
Afp

2' di lettura

Mentre Tokyo si domanda se il topo grigio con l’ombrello apparso sulla porta della stazione di Hinode, nel centro della città, è di Banksy. Tanto che Yuriko Koike, il governatore della capitale nipponica, in un tweet lo considera un «regalo alla città di Tokyo» e lo ha fatto smontare dalla strada per proteggerlo in un magazzino finchè non verrà verificata la paternità. E tutti aspettiamo che l’artista-messia faccia un cenno su Instagram per confermare o meno l’auticità del graffito. Scopriamo che il murale “Season's Greetings” di Port Talbot che raffigura il bambino che con la linguetta appare assaporare le neve che in realtà si rivela cenere, girato l’angolo, sprigionata da un bidone della spazzatura in fiamme, è stato venduto dal proprietario del box Ian Lewis, per oltre 100.000 sterline (130.000 $) a un mercante d'arte britannico. La città di Port Talbot attraverso il consiglio locale era intervenuta per offrire una soluzione a Lewis: pagare per rimuovere, archiviare e trasferire il lavoro. Ma a nulla è valso contro il valore di mercato dell’opera dell’artista anonimo e onnipresente. “L'ho comprato e mi è costato una somma a sei cifre” ha detto John Brandler, titolare della Brandler Galleries di Brentwood, nell'Essex, all’agenzia Reuters. “Ho preso il box compreso il murales a Port Talbot per un minimo di due o tre anni, voglio usarlo come centro artistico che porterebbe artisti di fama internazionale qui in Galles.” Il murale è apparso prima di Natale nella città ai margini di Swansea Bay, sede di una delle più grandi acciaierie del mondo, autenticato da Bansky su Instagram con tanto di auguri di Natale. Brandler, 63 anni, ha detto che l'intero murale doveva essere spostato in un unico pezzo. Quando gli è stato chiesto come poteva permettersi lussi del genere, ha detto: “Sono un mercante d'arte, possiedo diversi Banksy, possiedo anche John Constable, Thomas Gainsborough, Joseph Mallord William Turner e l’urban artista Pure Evil”.

Il cacciatore di Banksy. La Brandler Galleries, nata nel 1982, è specializzata in arte moderna britannica, libri illustrati per bambini e antichi maestri inglesi. Ha già molte opere rare di artisti di strada da Banksy e Blek Le Rat, per citarne alcuni. Il gallerista non è nuovo nei recuperi, già un'opera dell’artista di Bristol era stata recuperata da un pescatore di Dungeness nel Kent, che l’aveva trovata disegnata su un container in una spiaggia di proprietà di EDF Energy. L’opera con un uccello con una testa a forma di ugello di una pompa di benzina di 2,5 x 1,25 metri è stata realizzata nel 2004 e interpretata come una dichiarazione sull'inquinamento mondiale delle compagnie petrolifere, probabilmente un sequel del precedente pezzo di Banksy che riproduceva un uccello con tanto di ugello per la benzina appollaiato sulla cima di un albero.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...