ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùintervista

Bariatti: Mps firma il programma Onu sulla sostenibilità

Il prossimo appuntamento sarà a New York domenica 22 settembre, quando si terrà la firma ufficiale e il lancio globale dei principi per il settore bancario. Fra le 125 banche provenienti da 46 Paesi

di Monica D'Ascenzo


default onloading pic

3' di lettura

Ambiente e settore finanziario. Sono i due paradigmi del programma delle Nazioni Unite per l’ambiente - Finance Initiative, creato con la missione di promuovere finanziamenti sostenibili. Più di 250 istituzioni finanziarie, tra cui banche, assicurazioni e investitori, collaborano sotto l’egida delle Nazioni Unite per comprendere e affrontare in maniera coordinata le sfide ambientali, sociali e di governance. Il prossimo appuntamento sarà a New York domenica 22 settembre, quando si terrà la firma ufficiale e il lancio globale dei principi per il settore bancario. Fra le 125 banche provenienti da 46 Paesi, ci saranno anche le italiane Banca Mps e Intesa Sanpaolo.

LEGGI ANCHE / Mps, al via cessione di immobili per 350 milioni

«I principi, che firmeremo domenica prossima nella sede delle Nazioni Unite servono per alzare il livello di attenzione, soprattutto nei Paesi che sono più indietro. Ma le best practise saranno utili a tutti. Il network che si creerà sarà l’occasione di un confronto internazionale: per quanto l’Italia sia un Paese avanzato, ci possono essere best practise di altri Paesi che potranno essere di aiuto anche a noi. C’è un range di possibili best practise dedicati a diversi strati della società, per questo è interessante partecipare fin dall’inizio alla creazione di questo network» commenta la presidente di Banca Mps, Stefania Bariatti, con il Sole 24 Ore, aggiungendo che dalla firma deriverà un impegno concreto: «Noi proseguiremo su un percorso che abbiamo avviato già nel 2000 a livello di sostenibilità. Abbiamo dato più visibilità quest’anno separando il bilancio sostenibile da quello finanziario. D’altra parte sono principi parte del nostro dna: Mps è una banca che è nata vicino all’ambiente e al territorio. Anche le vicende della banca sono state segnate da una vicinanza particolare al territorio: dell’agricoltura, del vino, delle imprese della zona».

Le banche che si incontreranno a New York rappresentano congiuntamente 46 mila miliardi di dollari di asset e oltre un terzo del settore bancario globale. Una forza di fuoco non indifferente per avere un impatto concreto nei rispettivi Paesi. «Nei principi che firmeremo ci sono aspetti interni ed esterni, che svilupperemo. Avremo poi un termine di due anni per cominciare la reportistica da presentare agli stakeholder. E il report sarà occasione di confronto con le altre 250 realtà finanziarie che aderiranno al network» spiega Bariatti, che aggiunge: «Fra i principi ci sono anche impegni che indicano una vicinanza e un supporto alle iniziative di sostenibilità e di sviluppo sostenibile da parte di nostri clienti e delle imprese. In questa direzione opera da 13 anni il Microcredito di solidarietà: è una Spa che ha erogato prestiti a 2.500 imprese per 8 milioni di euro. Si tratta di migliaia di attività lanciate sul territorio che permettono la sussistenza di famiglie o l’attività di donne che magari sono uscite dal mondo del lavoro».

PER APPROFONDIRE / Le nuove regole Bce sugli Npl: il caso è chiuso?

E il progetto entrerà subito nel vivo: «Un primo incontro è previsto già lunedì ed è organizzato da Bnp Paribas sempre a New York. Poi vedremo che forme prenderà questa collaborazione e come sarà organizzato il network»n spiega la presidente di Banca Mps, che negli ultimi mesi ha comunicato diverse operazioni di cessione di crediti deteriorati. «Il processo di derisking rientra nei principi che firmeremo. La messa in sicurezza della banca è la questione che sottende ad ogni decisione che è stata presa: dal percorso della banca ha fatto in base al piano, all’annuncio, anche nel mese di agosto, della cessione di crediti deteriorati. Continuiamo su questa strada che permetterà alla banca di scendere ancora nel rapporto degli Npl complessivi. Siamo virtuosi sul lavoro fatto, ci sentiamo di aver lavorato bene e continueremo su questa linea. Come dice l’ad Marco Morelli, noi rispondiamo con i fatti a qualunque domanda e comunichiamo in modo trasparente passo passo. Siamo fattuali, fattivi, efficaci», chiosa Bariatti.

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Monica D’Ascenzoredattrice

    Luogo: Milano

    Lingue parlate: Italiano, inglese

    Argomenti: Finanza, startup, diversity

    Premi: Premio dell'Associazione per lo Sviluppo economico per il libro "Donne sull'orlo della crisi economica"

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...