alimentare

Barilla, sua l’unica offerta per Pasta Zara: investimento di 118 milioni


default onloading pic
Marka

1' di lettura

Diventa concreta la possibilità che lo stabilimento produttivo di Pasta Zara a Muggia (Trieste) passi a Barilla. A scriverlo in una nota è la stessa azienda trevigiana. L’offerta, secondo quanto riporta Radiocor, è di 118 milioni di euro. Il termine ultimo, previsto dal bando per la presentazione delle buste con le offerte di eventuali terzi interessati, era stato fissato per giovedì dal tribunale di Treviso. Al giudice Antonello Fabbro non sono arrivate altre offerte oltre a quella del gruppo industriale di Parma ( risalente al settembre scorso ).

L’aggiudicatario sottoscriverà con Pasta Zara un contratto di produzione a beneficio della società per 54 mesi (imballaggio, confezionamento ed etichettatura dei prodotti Zara), con volumi minimi vincolanti decrescenti nel tempo. Un aspetto che «garantirà continuità e solidità all’offerta commerciale di Pasta Zara». L’eventuale passaggio a Barilla, inoltre, «assicurerà stabilità occupazionale». Si tratta di uno step che garantirebbe la possibilità per Pasta Zara, al momento in concordato preventivo, di «dare esecuzione al piano, rispettando gli impegni con i creditori».

GUARDA IL VIDEO / Barilla: 10 regole per produrre solo grano tenero sostenibile

«Questo - afferma l'ad di Pasta Zara, Angelo Rodolfi - è un passo in avanti importante. Stiamo proseguendo sulla strada indicata dal piano industriale 2019-2024, approvato dal consiglio di amministrazione».
La documentazione è stata resa nota oggi alle parti. L’iter prevede che sia ora il pastificio di Riese Pio X (Treviso), in concordato preventivo, a decidere se accettare o meno l’offerta. L’assemblea dei creditori è fissata per il 24 luglio

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...