germania

Bassa Sassonia: socialdemocratici in testa, enigma coalizione

AFP

2' di lettura

Mentre gli occhi dell’Europa sono puntati sul risultato delle elezioni politiche in Austria, in Germania si votava oggi nel Land della Bassa Sassonia. Stando ai primi exit poll della rete televisiva Zdf, risultano in vantaggio i socialdemocratici con il 37% per cento dei consensi. Segue la Cdu di Merkel con il 35%. Terzo partito, in netto calo, i Verdi con l'8, mentre i liberali sono al 7,5% e i populisti di destra di Afd sono dati al 5,5%. Ultima la Linke con il 4,5%.

Rispetto al 2013, stando a questi dati, i socialdemocratici di Stephan Weil, al governo nel Land di Hannover alla guida di una coalizione rosso-verde, guadagnano 4,4 punti, la Cdu ne perde 1, i Verdi perdono 5,7 punti, i liberali perdono 2,4 punti, la Linke guadagnerebbe 1,4 punti, ma resterebbe fuori dal parlamentino, e l'Afd ci entrerebbe a stento. La caduta dei Verdi rende complicata la riproposizione di una maggiornaza con la Spd.

Loading...

A livello nazionale si aprono nei prossimi giorni le trattative per arrivare a una coalizione di governo dopo le elezioni dello scorso settembre, che non hanno indicato una chiara maggioranza. L’incertezza politica fa perdere terreno alla Cdu di Angela Merkel, che tocca il livello più basso nei sondaggi degli ultimi sei anni. Stando a un rilevamento Emnid, commissionato dalla Bild am Sonntag, i cristiano-democratici scivolano al 31%. Sempre netto il distacco con l'Spd, dato al 21% (-1). La destra oltranzista di Alternative fuer Deutschland resta terzo partito al 12%. Recuperano un punto rispetto alla settimana scorsa, invece, i Liberali, all'11%, e i Verdi, al 10%, i due partiti che da mercoledì dovranno confrontarsi con la cancelliera per i colloqui esplorativi in vista di un possibile governo “Giamaica”. La Linke resta al 10%.

«Questa è una meravigliosa vittoria per l'Spd in Bassa Sassonia e per Stephan Weil. L'Spd è il chiaro vincitore di stasera in Bassa Sassonia”. Lo ha detto il leader dei socialdemocratici, Martin Schulz, commentando i risultati delle elezioni regionali. Ma la Cdu ha sottolineato la bocciatura della coalizione rosso-verde:
«Avremmo sperato effettivamente di più, ma i rosso-verdi hanno perso la maggioranza e questo era uno degli obiettivi della Cdu. Siamo pronti a colloqui per assumerci le nostre responsabilità», ha commentato il segretario generale della Cdu Peter Tauber. Il numero due dei liberali, Wolfgang Kubicki, ha fatto sapere di «escludere una coalizione semaforo», con Spd e Verdi. Il candidato dei liberali regionale si è detto pronto, invece, a costituire una “Giamaica” con Verdi e Cdu.

Un segnale importante in vista dei negoziati di questa settimana. Kubicki, che ritiene una coalizione Giamaica a livello nazionale «possibile al 50%», ha affermato di affrontare i colloqui senza grandi aspettative per non restare deluso, aggiungendo di non prevedere un governo entro la fine dell'anno.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti