ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùStart up/1

Batterie smart, Electra apre a Torino una nuova sede

di Filomena Greco

2' di lettura

Dal pianeta Venere fino a Torino per sviluppare il software in grado di migliorare le performance delle batterie per le auto. Electra Vehicle è nata a Boston cinque anni fa e ha deciso di aprire una nuova sede a Torino e assumere 15 ingegneri per accelerare il business in Europa. «L’idea della nostra start up – racconta Fabrizio Martini, ceo e cofounder – nasce dalla collaborazione con la Nasa per uno studio sull’esplorazione della superficie di Venere». Nasce così il sistema “intelligente” di Electra destinato a migliorare le batterie, grazie al brevetto concesso dalla Nasa. Poi è arrivato l’incontro con Ceip Piemonte e con Liftt che ha deciso di investire nella start up tutta concentrata sulla mobilità elettrica. «Abbiamo scelto Torino per la sua storia industriale e per i talenti che offre in questo settore» aggiunge l’ad, mentre la prossima tappa potrebbe essere Shangai.

«Il software può essere installato su qualsiasi tipo di batteria sul mercato – spiega Martini – ed è capace di dare informazioni al guidatore e alla stessa casa produttrice per migliorare le performance». Electra ha iniziato a vendere il prodotto due anni fa e ha dalla sua una partnership industriale con Blackberry, che dopo la crisi dei telefonini opera nel settore automotive con il sistema operativo QNS. «Stanno lanciando un nuovo prodotto e il nostro software, Eva, che utilizza anche l’intelligenza artificiale» aggiunge il ceo. Il giro d’affari della società supererà quest’anno i 10 milioni di ricavi e promette di crescere in fretta.

Loading...

La sede in Italia sarà alle Ogr di Torino per sfruttare al massimo la vicinanza con il Politecnico e con l’Energy Center. E l’obiettivo industriale è chiudere partnership industriali con i principali Oem europei oltre a case italiane. «I nostri competitor hanno tecnologie meno avanzate rispetto a machine learning e sistemi di intelligenza artificiale – spiega Martini – inoltre la nostra peculiarità sta nella banca dati che abbiamo sviluppato negli anni su oltre 300 modelli di batterie»

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti