arte contemporanea

Battino (Il Ponte): «Riscoprire i maestri trascurati dal mercato»

In asta oculatezza e selezione. Inseguire le mode porta solo alla speculazione com’è accaduto anche per alcuni nomi storici dell’arte del dopoguerra italiana. Le proposte nell’asta del 10 dicembre

di Marilena Pirrelli


default onloading pic
Hans Hartung, «T1955-16», 1955, olio su tela, cm 81x65 (particolare)

2' di lettura

In un mercato dell’arte che talvolta rischia di essere ipervalutato e seguire le mode: “la parola chiave è oculatezza” è convinto Freddy Battino direttore del dipartimento di Arte Moderna e Contemporanea della casa d’asta Il Ponte . “Sono sempre più ricercate dal mercato le opere rappresentative di un determinato contesto storico-culturale e dal significativo curriculum espositivo, opere fuori da ogni moda, di qualità e corredate da una ricca documentazione”. Insomma mentre sui social media si rincorre l’arte provocazione Battino spiega che oggi: “l'obiettivo è riscoprire i maestri trascurati dal mercato, anticipando i trend e conciliando l'aspetto culturale a quello economico, poiché la domanda sta diventando progressivamente più selettiva”.

Per questo Battino ha focalizzato le aste di arte moderna e contemporanea sulla riscoperta di autori del 900: “La mia ambizione è quella di esportare l'arte italiana all'estero, non intendiamo aprire sede all'estero, ma lavorare con i compratori esteri dall'Italia, per questo selezioniamo opere di carattere internazionale. Nell’asta di Arte Moderna e Contemporanea del 10 e 11 dicembre in via Pontaccio a Milano presentiamo Undici, la scultura di Fausto Melotti del 1971 proposta a 70.000-100.000 euro, La fille de la statue del 1926-26 di Alberto Savinio, un ricamo del 1989 di Alighiero Boetti, un olio su tela di Irma Blank del 1988, Misura di rosso - giallo - azzurro 1966 di Antonio Calderara accanto a un’opera storica del 1955 di Hans Hartung, stimata 150.000-200.000 euro, seguita da opere di Ben Nicholson, Victor Vasarely, Vieira da Silva”. I risultati sino ad oggi nel comparto sono più che positivi: “Il fatturato del dipartimento è in crescita - conferma –, ha toccato gli 8,3 milioni di euro nell'asta di giugno, con il 235% sul battuto, 99 lotti venduti su 100 solo nella prima giornata d'asta ed il 60% di lotti aggiudicato a buyers esteri”.

Battino (Il Ponte): «Riscoprire i maestri trascurati dal mercato»

Battino (Il Ponte): «Riscoprire i maestri trascurati dal mercato»

Photogallery5 foto

Visualizza

Aste italiane
“Il mercato italiano è in difficoltà perché in questi anni i compratori hanno guadagnato troppo e troppo velocemente seguendo trend speculativi. Le opere sono arrivate a prezzi che oggi la domanda non è più in grado di assorbire ed è possibile un’inversione di tendenza, anche perché su alcuni artisti il mercato è troppo piccolo e legato a fattori psicologici: gli invenduti fanno perdere interesse anche per tanti artisti validi, pensiamo persino a Castellani, Bonalumi e Scheggi saliti velocemente negli anni scorsi e oggi in affanno in asta”. La prudenza e una corretta due diligence dovrebbero essere sempre alla base di un’acquisto d’arte.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...