ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùIL PRESSING DEGLI INVESTITORI

Bce, via il tetto al 33% sui bond per ridurre il costo dei deficit

Nel sistema finanziario globale si sta bloccando anche il mercato interbancario, ecco perché le banche centrali intervengono. Oltre a fornire liquidità un altro obiettivo possibile di Francoforte è minimizzare il costo dell’incremento del deficit pubblico

di Alessandro Graziani

La Bce corregge il tiro. Visco: possibili acquisti su Paese

Nel sistema finanziario globale si sta bloccando anche il mercato interbancario, ecco perché le banche centrali intervengono. Oltre a fornire liquidità un altro obiettivo possibile di Francoforte è minimizzare il costo dell’incremento del deficit pubblico


2' di lettura

La chiusura dei confini fisici tra nazioni non è l’unica barriera creata dagli effetti del Coronavirus. Nel sistema finanziario globale si sta bloccando anche il mercato interbancario, ovvero quello che assicura lo scambio di liquidità a brevissimo termine tra le varie banche. Un sistema che negli Usa era in crisi già dalla scorsa estate, tanto che la Federal Reserve - prima del maxi-intervento degli ultimi giorni - nei mesi scorsi aveva iniettato nel sistema liquidità per miliardi di dollari.

Leggi anche:I nostri soldi e il coronavirus: come muoversi tra Borsa, bond, oro e azioni

Ora l’intervento coordinato, o in via di coordinamento, delle principali banche centrali del mondo ha come priorità emergenziale proprio quella di dare liquidità in abbondanza al sistema finanziario puntando a evitare le conseguenze che i repentini crolli del mercato azionario e delle materie prime (a partire dal petrolio) porti al default di qualche grande intermediario. In queste settimane, l’esplodere di un nuovo caso Lehman Brothers - che andò in crisi per mancanza di liquidità - farebbe da moltiplicatore alla tempesta finanziaria in corso. E sotto osservazione non sono solo le banche, oggi ben più resistenti a traumi temporanei rispetto al 2007-2008 ma anche le varie tipologie di asset manager, a partire dai maggiori hedge funds.

L’altro grande area di intervento delle banche centrali globali è l’aumento dell’acquisto di bond sovrani per mantenere i tassi d’interesse dei titoli di Stato sui livelli più bassi possibili. La risposta dei Paesi alla recessione economica, si vedrà se temporanea o prolungata, non può che avvenire attraverso uno shock fiscale che comporterà l’aumento “una tantum” dei deficit di bilancio per il 2020. L’intervento delle banche centrali serve a minimizzare il costo dell’incremento del deficit. Ed è probabile che l’azione si intensificherà nel corso dell’anno. Per farlo con maggiore efficacia alcuni analisti, a partire da quelli di Citi, prevedono che la Bce possa decidere di aumentare o eliminare il limite del 33% agli acquisti di una singola emissione di titoli di Stato.

Per approfondire:
Crisi istantanea, debito lungo. L'unica strada sostenibile
Oro a picco sotto 1.500 dollari, nonostante la Fed
La corsa di Governi e banche centrali per salvare l'economia mondiale

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...