ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùGioielli

Bea Bongiasca crea gioielli pop ispirati alla cultura giapponese

Il brand della giovane designer milanese ha catturato l’attenzione di star come Dua Lipa e Miley Cyrus. E adesso lancia una cassaforte per custodire i monili

di Paola Dezza

2' di lettura

Un percorso iniziato all’università Central Saint Martins, dove da subito individua l’ambito creativo più vicino alla sua personalità. E che in pochi anni la porta a creare un brand oggi riconosciuto a livello internazionale. Bea Bongiasca è una giovane designer milanese che nel 2014 ha fondato il suo marchio, con una discreta dose di coraggio, incoscienza e determinazione, marchio che ha registrato un particolare picco di successo, anche internazionale, dall’anno 2019. Grazie anche a nomi come Dua Lipa, Miley Cyrus e Bella Hadid che li indossano in molte occasioni.

L’ispirazione nasce dal fascino che Bea ha sempre provato per l’Asia: «I miei gioielli sono ispirati all’universo Kawaii, parola giapponese che significa “carino” - dice Bea -, sono pop e caratterizzati dall’impiego di smalto colorato su oro giallo e di pietre semipreziose». La collezione Bea Bongiasca è interamente made in Italy e realizzata a mano. Oltre alle collezioni in oro 9k, il brand propone collezioni in oro giallo 18k con pietre ancora più preziose e alcune creazioni con diamanti. La produzione è divisa tra Valenza e Pesaro, «per diversificare i fornitori» sottolinea la designer.

Loading...

La prima collezione è stata presentata durante una delle Milano Fashion Week nel 2014, nello spazio 10 Corso Como. Da allora sono nate collezioni e oggetti unici. Con la particolarità che ogni pezzo è un mondo di fantasia in miniatura dove ciascuno può immergersi.

Da quel momento Bea ha realizzato collaborazioni con gallerie d’arte e mostrato le sue creazioni al MiArt e alla Design Basel, nel novembre 2015 vince il primo “Premio Giovani Imprese – Believing in the Future” per la categoria gioielli (premio Fondazione Altagamma in partnership con L'Uomo Vogue, Borsa Italiana e Maserati). A gennaio 2017 Bea è stata inserita da Forbes nella seconda classifica annuale dei “30 Under 30 Europe” per le categorie Arts & Dorm Room Founders.

È nel 2019 che apre un monomarca a Milano, in via Solferino, poco prima che scoppiasse la pandemia di Covid 19. Diversi i canali di vendita. Oltre al negozio, il sito beabongiasca.com e al concept store, le sue creazioni si trovano in vendita anche su piattaforme come Net-a-porter, Moda Operandi e Threads.

La società ha registrato un fatturato 2021 di 2,7 milioni di euro (con un incremento del 270% rispetto al 2020). I mercati più forti per l’esportazione dei gioielli sono Usa, Europa e Paesi Arabi. Paesi in cui il brand è presente sono Italia, Germania, Spagna, Belgio, Regno Unito, Grecia, Montecarlo, Svizzera, Usa e Canada, ma anche Messico, Brasile, Venezuela, Libano, Giordania, Kazakistan, Kuwait, Qatar, Cina, Giappone, Sud Corea, Singapore e Taiwan. In tutto sono 78 i punti vendita che nel mondo offrono i gioielli del marchio, di cui 72 all’estero. Ultima creazione è la cassaforte, sempre pop, per custodire i propri monili.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

  • Paola DezzaCaposervizio Responsabile Real Estate

    Lingue parlate: inglese, francese

    Argomenti: mercato immobiliare, architettura, finanza immobiliare, lifestyle, turismo, hotel e ospitalità

    Premi: “Key player of the italian real estate market” di Scenari Immobiliari

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti