Scuola e master

Bebe Vio, Roberto Mancini, Oscar Farinetti: ripartire dalla formazione per dare slancio al Paese

Gli ambasciatori della 24Ore Business School, con Renzo Rosso e Beatrice Venezi, racconteranno i segreti per raggiungere il successo senza rinunciare alle proprie passioni

Il giornalismo del futuro e i long form

2' di lettura

«Ogni impresa, grande o piccola che sia, parte da un sogno», sottolinea la campionessa di fioretto individuale paralimpico Bebe Vio. «Se qualcuno ti dice “Non si è mai fatto”, allora era il caso di farlo», suggerisce Renzo Rosso, imprenditore visionario, fondatore del marchio Diesel e presidente del gruppo di moda Otb. Due dei testimonal della campagna sociale della 24Ore Business School che punta a ridare slancio al paese partendo dalla scuola, dalla formazione e dalle proprie passioni. Investire sulla formazione continua e sull’importanza di credere in se stessi, di trovare la propria vocazione e trasformarla in una professione. Sono gli ingredienti della campagna sociale della 24Ore Business School che punta a rilanciare il paese partendo dalla scuola e dalla formazione.

Gli ambasciatori da Vio a Rosso, Mancini, Venezi e Farinetti

Gli ambasciatori di questo appello oltre a Bebe Vio e Renzo Rosso, sono Oscar Farinetti, fondatore e ideatore della catena internazionale della ristorazione Eataly; Roberto Mancini, commissario tecnico della Nazionale italiana di calcio fino al 2026; Beatrice Venezi, direttore d'orchestra di fama internazionale. Campioni e professionisti di fama mondiale scelti dalla business school come testimonial della ripartenza. I loro video sono on air sui principali network televisivi e sui canali digitali. I protagonisti della campagna porteranno la loro testimonianza all'interno di lezioni online della business school, nelle quali racconteranno i segreti per raggiungere il successo senza mai rinunciare alle proprie passioni, valorizzando il proprio talento.

Loading...

Borse di studio per studenti e professionisti meritevoli

E a loro saranno intestate borse di studio per studenti e professionisti meritevoli che potranno così iscriversi ai corsi delle diverse aree della scuola. Saranno anche donati circa 100mila euro a enti di beneficenza legati all’iniziativa. Nel 2020 il processo di digitalizzazione della 24 Ore Business School era già in atto da tempo e questo le ha consentito di non avere nessuna interruzione di servizio quando la pandemia ha costretto tutti a stare a casa. «Nessun master o corso è stato sospeso, - sottolinea Manuel Mandelli, vice presidente digital della 24Ore Business School - tutti immediatamente sono passati alla versione totalmente digitale. Questo shift immediato ha generato risultati importanti. I benefici che la digitalizzazione ha portato a questa scuola, nata 28 anni fa, le conferiscono un potenziale innovativo degno di una startup che, coniugato all'autorevolezza che già le è riconosciuta, aprono enormi opportunità».

I cinque video della campagna

Sono stati realizzati tre video da quindici secondi e due da venti. «Credo molto in questa campagna e nel messaggio che vogliamo trasmettere», spiega Manuel Mandelli. «In questo difficile periodo storico - aggiunge - è fondamentale ripartire da se stessi, dalle proprie passioni e dal proprio valore. La digitalizzazione rappresenta una grande opportunità di democratizzazione della formazione, di riqualificazione del tempo delle persone e quindi di semplificazione della strada che porta alla realizzazione dei proprio obiettivi professionali e personali».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti