ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùConfindustria

Benevento, gli industriali chiedono: presto le Zes e più infrastrutture

Il presidente della territoriale associazione, Oreste Vigorito, parla di riduzione dei divari tra Nord e Sud, tra costa e aree interne

di Vera Viola

2' di lettura

La difficile mobilità e l'assenza di investimenti per migliorarla restano il principale tallone d'Achille del Sannio: un'area con eccellenze in campo industriale e ambientale, ma con carenze infrastrutturali ataviche che rendono difficile promuoverne lo sviluppo. Questa è la fotografia scattata dal presidente di Confindustria Benevento, Oreste Vigorito, nel giorno dell'Assemblea annuale. Un quadro su cui si sono associati tra gli altri anche il sindaco di Benevento, Clemente Mastella, e il presidente della Provincia, Nino Lombardi.

Imprese eccellenti, pochi collegamenti stradali

«Benevento ha una dotazione di autostrade pari al 2% del totale della regione – ha aggiunto Vigorito – non ha collegamento diretto né con Napoli, né con Salerno». Vigorito elenca le eccellenze delle aree Asi del Beneventano. Imprese che operano in settori come l'aeronautico, l'automotive, e la meccatronica. E si dilunga a raccontare l'importante cammino fatto nel settore della produzione di energia da fonti alternative, in primis l'eolico, in cui la stessa azienda di Vigorito, la Ivpc, è stata pioniera. «Oggi il Sannio, dove venne realizzato il primo parco eolico d'Italia è settimo in Italia per quantità prodotta da fonti rinnovabili ed è capofila di un importante ITS “Energi Lab”. Si tratta di un polo che svolge un ruolo di traino in Italia», sottolinea il presidente degli industriali sanniti. Ma lo stesso territorio presenta ancora molti segni di fragilità quali la densità abitativa, il Pil pro capite (un reddito pro capite pari a 15.900 euro a fronte dei 27.000 dell'Italia), l'occupazione (negli ultimi 10 anni il Sannio ha perso 16.000 posti di lavoro), l'indice di dotazione stradale. Vigorito punta l'indice con forza sui ritardi nella attuazione delle Zes.

Loading...

Alta velocità Napoli Bari

Ciro Napoli, Responsabile dei Progetti Napoli e itinerario Napoli – Bari, intervenuto durante la assemblea pubblica di Benevento, ha confermato che entro il 2027 i lavori della linea ferroviaria saranno completati. «Quasi tutti i lavori programmati sono in corso – dice – . Mancano gli ultimi lotti per i quali le assegnazioni saranno completate entro questa estate. Intanto sono in corso studi di fattibilità per due terminal logistici da collegare all'alta velocità che avranno sede in Irpinia in Valle Ufita e nel Sannio a Ponte Valentino».

All'incontro hanno partecipato anche Piero De Luca – Deputato Pd, Giuseppe Romano, Commissario della ZES Campania, Edoardo Ronchi, presidente della Fondazione Sviluppo Sostenibile, Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti