ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCaro carburanti

Benzina, contestate dalla Gdf oltre 2.800 violazioni nel 2022

Il piano di azione per il 2023 concernente il prezzo dei carburanti, che segue le indicazioni arrivate dal ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti, prevede al contempo un’attività di controllo «strutturata e capillare» sul territorio, con l’obiettivo «di contribuire a calmierare gli aumenti dei prezzi»

2' di lettura

Da marzo dell’anno scorso, in concomitanza con l’aumento del prezzo del gas, dell’energia elettrica e dei carburanti, alla fine del 2022, la Guardia di Finanza ha eseguito 5.187 verifiche agli impianti di distruzione stradale di carburante e ai depositi commerciali, contestando 2.809 violazioni alla disciplina dei prezzi. In base a quanto emerge dai dati, 717 violazioni hanno riguardato la mancata esposizione o la difformità dei prezzi praticati rispetto a quelli indicati mentre 2.092 sono relative all’omessa comunicazione al ministero. È quanto emerge da un comunicato del comando generale della Guardia di Finanza

Gdf: controlli capillari per calmierare aumenti

Il piano di azione per il 2023 concernente il prezzo dei carburanti, che segue le indicazioni arrivate dal ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti, prevede al contempo un’attività di controllo «strutturata e capillare» sul territorio, con l’obiettivo «di contribuire a calmierare gli aumenti dei prezzi». Si punta a intensificare i controlli sui prezzi con particolare attenzione alla rete di distribuzione autostradale e a contesti territoriali particolarmente sensibili. Il piano è già partito e vede impegnati oltre 660 reparti operativi del Corpo, supportati dai reparti speciali.

Loading...

Tre direttrici

L’azione di militari delle Fiamme Gialle si svilupperà su tre direttrici: l’attività vera e propria di “vigilanza dei prezzi”, con il coinvolgimento di tutti i reparti del corpo; l’azione dei reparti speciali, che assicurano il supporto ai reparti operativi ma anche al garante per la sorveglianza dei prezzi e all’Autorità garante della concorrenza e del mercato nell’ambito di una serie di indagini istruttorie avviate proprio per accertare eventuali violazioni della normativa di settore; le attività d’intesa con l’autorità giudiziaria. La Guardia di Finanza sottolinea infine che eventuali manovre speculative sui prezzi dei carburanti potrebbero configurare due diverse ipotesi di reato sanzionate dagli articoli 501 e 501 bis del codice penale: «rialzo e ribasso fraudolento di prezzi sul pubblico mercato o nelle borse di commercio» e «manovre speculative su merci».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti