ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùControlli in corso

Carburanti, contro i rincari in campo Gdf e Procura di Roma

In campo anche la procura di Roma che indaga sui rincari, compresi i prezzi del carburante, nell’ambito di un fascicolo aperto per individuare eventuali speculazioni.

Autostrade, bus e carburanti: ecco la mappa degli aumenti

1' di lettura

Per evitare eventuali fenomeni speculativi sui prezzi dei carburanti su strade e autostrade a seguito dello stop degli sconti sulle accise, fonti del Mef confermano (come anticipato da alcuni quotidiani) che il ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, ha già dato mandato, lo scorso dicembre, alla Guardia di Finanza di monitorare la situazione e che la prossima settimana verranno resi noti i risultati dei controlli effettuati. L’esecutivo non ha rinnovato il taglio delle accise che dal 1° gennaio 2023 ha prodotto aumenti di 18,3 centesimi per benzina e diesel (di cui 3,3 come componente Iva) e di 6,1 centesimi per il Gpl (5 centesimi di accisa più l'Iva).

Alla procura di Roma già indagine sui rincari

La Procura di Roma indaga già sui rincari, compresi i prezzi del carburante, nell’ambito di un fascicolo aperto per individuare eventuali speculazioni. L’inchiesta è volta a verificare le ragioni di tale aumento ed individuare eventuali responsabilità. Gli accertamenti sono stati affidati al nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza di Roma. Inoltre finirà presto all’attenzione dei pm di Roma l’esposto presentato dal Codacons in ben 104 procure in cui si chiede «di indagare sui prezzi di benzina e gasolio allo scopo di accertare eventuali speculazioni o rialzi ingiustificati dei listini».

Loading...

Pd attacca, sale inflazione e pensano al presidenzialismo

Intanto l’opposizione attacca. «Benzina e gasolio fuori controllo dopo l’aumento delle accise, #inflazione al 12%, crollo del potere d’acquisto di stipendi e pensioni. Ma il governo #Meloni non sa che pesci pigliare e si occupa d’altro: nomine, presidenzialismo, autonomia differenziata. Sono fuori dal mondo», scrive su Twitter il senatore Antonio Misiani, responsabile economico del Pd.


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti