ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCaro carburanti

Benzina, governo valuta proroga taglio accise fino a fine luglio

Il prezzo medio della benzina in modalità self service torna a sfondare quota 2 euro/litro. Il Pd propone un tetto ai prezzi per l’estate

La benzina torna a salire, senza il taglio di 30 centesimi sarebbe record

2' di lettura

È ancora caro carburanti, con i prezzi al distributore che tornano a correre. Quello medio nazionale della benzina in modalità self service torna a sfondare quota 2 euro/litro. Un livello che si era raggiunto all’inizio di marzo, quando però non era ancora in vigore il taglio dell’accisa di 30,5 centesimi al litro deciso dal governo a partire dal 22 marzo. Senza considerare lo sconto fiscale, oggi saremmo a 2,31 euro/litro. Il Governo valuta per questo una proroga del taglio delle accise sui carburanti fino a fine luglio. Gli sconti attualmente in vigore scadono l’8 luglio e l’orientamento - date anche le risorse a disposizione - sarebbe quello di procedere mese per mese.

Il pressing di Salvini per rinnovare lo sconto

L’intervento è nell’aria e tutti i partiti cercano di intestarselo. «Ho chiesto al ministro dell’Economia, Daniele Franco, di rinnovare lo sconto benzina per tutti gli italiani almeno per tutta l’estate. Perché se questa sciagurata guerra va avanti per mesi, la benzina rischia di arrivare a 3 euro al litro e per milioni di italiani sarebbe un disastro» ha detto il leader della Lega Matteo Salvini a margine di un appuntamento elettorale. «Quindi conto che - ha aggiunto Salvini - grazie alla Lega e al nostro governo, lo sconto benzina che scade i primi di luglio venga rinnovato per mesi per aiutare le famiglie italiane in difficoltà»

Loading...

Pd: tetto al prezzo della benzina per due mesi

Si tratta di un pressing bipartisan sul governo perché intervenga per contenere le ricadute su famiglie e imprese già stremate da mesi di rincari. Il Pd spinge dal canto suo per un tetto per due mesi al prezzo di vendita dei carburanti. Lo fa con un emendamento al dl Aiuti, in commissione alla Camera. Una misura pensata per attenuare i costi per chi lavora e chi si muoverà in auto quest’estate.

I rincari dei listini

L’idea trova il plauso dei consumatori, secondo cui anzi la misura non va limitata all’estate ma estesa a tutto l’anno. I forti rincari dei listini, che proseguono da settimane nonostante sia in vigore un taglio delle accise di 30 centesimi, hanno portato il prezzo medio della benzina self a toccare 2,009 euro al litro (1,985 il valore precedente). Al servito la verde è già a 2,134 euro al litro, il che significa che, senza il taglio delle accise introdotto a marzo, sarebbe già oltre il record storico di 46 anni fa (2,31 euro a valori correnti nel 1976). Prezzi record che in un paese come il nostro, dove l’85% delle merci viaggia su strada, rischiano di avere un effetto valanga - avverte Coldiretti - sui costi delle imprese e sulla spesa di consumatori.


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti