ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùArte

Berlino celebra Donatello e i Surrealisti

L’agenda autunnale vede la capitale tedesca tra le protagoniste del panorama europeo con mostre d’eccezione

di Stefano Biolchini

2' di lettura

Per l’autunno l’appuntamento imperdibile da mettere in agenda è a Berlino con la mostra dedicata a Donatello. “Donatello. Inventore del Rinascimento” è il titolo dell’esposizione che sarà aperta fino al prossimo 8 gennaio alla Gemäldegalerie. Una mostra che eccezionale che pone il suo focus non soltanto sulla complessa produzione del grande scultore ma proprio sulla sua influenza determinante nello sviluppo del Rinascimento e sulla pittura dell’epoca e non solo.

Ma sono davvero tantissime le esposizioni d’eccezione che la capitale tedesca offre.

Loading...

Fino al 6 novembre è aperta la mostra dedicata a Schliemann e all’intero mondo delle sue avventurose scoperte, e che è stata già oggetto di una recensione su queste pagine. (Schliemann's Worlds, James-Simon-Galerie).

Surrealism and Magic: Enchanted Modernity

E ancora altro appuntamento da non mancare è la mostra (aperta fino al 29 gennaio) dedicata al Surrealismo “Surrealism and Magic: Enchanted Modernity” al Museum Barberini. L’esposizione pone l’accento sull’interesse dei surrealisti per l’occultismo, il agico e i miti, e spazia dalla pittura metafisica di De Chirico fino a Max Ernst, a Leonora Carrington e Remedios Varo.

Dal 3 novembre aprirà invece i battenti l’esposizione dedicata al modernismo ungherese
“Hungarian Modernists in Berlin 1910-1933” alla Berlinische Galerie. L’offerta espositiva si concentra sul contributo degli artisti magiari che prima dello scoppio della Grande Guerra usarono la crescente metropoli tedesca come luogo d’elezione per proiettarsi sullo scenario artistico internazionale.

Dal 22 ottobre al 2 luglio 2023 alla Neue Nationalgalerie ci sarà la mostra “The Art of Society”. Dopo sei anni di chiusura il museo riapre con un’esposizione dedicata ai più importanti Classici del Modernismo presenti nelle sue collezioni: circa 250 dipinti e sculture dal 1900 al 1945, incluse opere di Otto Dix, Hannah Höch, Ernst Ludwig Kirchner, Lotte Laserstein and Renée Sintenis

Infine, ma la lista degli “imperdibili belinesi” non si esaurisce di certo qui, segnaliamo per i visitatori che saranno in Germania dal 7 al 16 ottobre il Festival delle luci che illuminerà in un gioco di colori cangianti i monumenti, le vie, i luoghi e palazzi simbolo della capitale.

.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti