libri

Bestemmia, storia di un crimine immaginario

di Armando Torno

default onloading pic

2' di lettura

La bestemmia sembrava sparita dall'orizzonte politico dell'Occidente. Qualche scrittore (Niccolò Ammaniti, per esempio) la ricorda e fa notare la sua diffusione, anche se Giovannino Guareschi con un pizzico d'ironia scriveva che i suoi concittadini emiliani ne facevano uso “non per negare Dio, ma per fargli dispetto”. Nei secoli scorsi era punita anche con la condanna a morte, come accadde a Firenze nel 1501 ad Antonio Rinaldeschi, che dopo aver perso al gioco lanciò escrementi contro un'immagine di Maria e fu scoperto. Se nell'antica Roma il concetto di bestemmia si confondeva con quello di empietà, con il cristianesimo le regole cambiarono. Chi era colto a pronunciarne poteva cavarsela con una multa, il carcere, l'esilio o con pene corporali: dipendeva dai luoghi e dai tempi.

Si potrebbe prendere spunto dal discorso del senatore Luigi Giampietro, “Lotta contro la bestemmia e l'immoralità”, pronunciato a Palermo nel 1929, per scoprire che nel 1228 a Verona (e anche altrove) il bestemmiatore era posto in un corbello (recipiente rotondo, di media grandezza, fatto di stecche di legno o di vimini) e tuffato ripetutamente nel fiume.

Loading...

Non mancavano inoltre condanne alla perforazione della lingua con un chiodo, o anche all'amputazione della stessa. A Cividale, in Valtellina, a Vercelli, i bestemmiatori si esponevano sulla piazza legati per il collo a una catena; si facevano poi correre per la città a colpi di sferza.

La Controriforma cinquecentesca peggiorò in taluni casi le pene, ma con il secolo XVIII i trattamenti si fecero più umani. Anche se Giuseppe II stabilì di considerare il bestemmiatore un pazzo, e di rinchiuderlo come tale. Per Voltaire l'insulto alla divinità apparteneva a un'altra epoca. E la Rivoluzione francese lo definì “crimine immaginario”.

Nonostante questo, il mondo è di nuovo in ansia per le sorti di chi è accusato di aver espresso una bestemmia. Il caso più noto - e da quel momento tutti se ne sono accorti - è quello di Salman Rushdie, scrittore naturalizzato britannico che vive sotto scorta da anni e che fu condannato a morte nel 1989 da una fatwa islamica a causa del suo libro “I versi satanici”, giudicato blasfemo dall'Ayatollah Khomeini.

D'altra parte, salvo ultimissimi cambiamenti, negli Emirati Arabi la pena di morte è prevista per i bestemmiatori musulmani, in Sudan si arriva a quaranta frustate, in Qatar si rischiano sette anni di carcere, in Algeria dieci; clemente è l'Egitto: si va al confino per sei mesi o poco più.

Un libro di Jacque de Saint Victor, Bestemmia. Breve storia di un «crimine immaginario» (Edizioni Ariele, pagg. 108, euro 14), aiuta il lettore a ricostruire le vicende di questo “peccato di bocca”. Vi si leggono fatti antichi e cronache attuali, con attenzione alla Francia. Paese nel quale un giornale satirico come “Charlie Hebdo” ha subito un attentato il 7 gennaio 2015 con dodici morti e undici feriti. La causa? Vignette e caricature considerate blasfeme.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti