ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa nuova scuola/2

Bianchi: «Chi governerà il Paese non disperderà i fondi del Pnrr»

Intervento del ministro (uscente) dell’Istruzione. Un bilancio del lavoro svolto in questi anni. Le scelte e l’eredità per chi si insedierà a Viale Trastevere

di Patrizio Bianchi*

(ANSA)

3' di lettura

È iniziato in tutta Italia un nuovo anno scolastico: oltre 7 milioni di studentesse e studenti tornano a riappropriarsi in questi giorni di una nuova normalità fatta di compagni di banco, di visi non più coperti da mascherine, di sorrisi e vicinanza. È una riconquista di abitudini che abbiamo dato a lungo per scontate e delle quali, grazie alla pandemia, abbiamo riapprezzato il valore: la scuola non è soltanto luogo di trasmissione del sapere. È socialità.

In questi due anni abbiamo lavorato duramente e con convinzione per ricostruire e consolidare una scuola che è prima di tutto comunità, garantendo il diritto allo studio a ogni bambino e ragazzo nelle migliori condizioni possibili nonostante l’emergenza sanitaria. In presenza e in sicurezza, ma senza mai distogliere lo sguardo dagli obiettivi futuri, perché è nel presente che si pongono le basi di ciò che sarà la nuova scuola di cui il Paese ha bisogno.

Loading...

Sono orgoglioso di tutte le scuole che ho avuto la possibilità di visitare in questo anno e mezzo, delle studentesse, degli studenti, del personale scolastico e delle famiglie incontrate. Quanta eccellenza, quanta straordinarietà c’è nel nostro Paese, che rimane silenziosamente non raccontata, sovrastata dal rumore delle criticità da risanare. Quando mi chiedo come sarà, come deve essere la scuola del futuro, penso a queste realtà, disseminate in tutta Italia. Sono convinto che dobbiamo mettere a sistema tutte queste esperienze, realizzare una scuola pubblica di alta qualità in ogni territorio, intervenendo in maniera sostanziale laddove ci sono emergenze educative, per colmare i divari e assicurare pari opportunità e uguaglianza a ogni bambina e bambino.

Il futuro ha bisogno di solidità e solidarietà, di uno Stato che sappia sostenere e valorizzare le autonomie scolastiche: sono determinanti in un Paese eterogeneo e frammentato come il nostro.

Il Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) è lo strumento di cui disponiamo per intervenire in tal senso e nell’ambito dell’Istruzione, attraverso le 6 riforme e le 11 linee di investimento previste, agisce proprio in questo senso: dagli asili nido e dalle scuole dell’infanzia fino al reclutamento dei docenti, tocca punti nevralgici del sistema di istruzione.

In questi mesi abbiamo lavorato per mantenere gli impegni presi nei tempi previsti: il ministero che guido ha già assegnato più di 10 miliardi, in particolare per interventi di edilizia scolastica, e approvato la maggior parte delle riforme. L’urgenza non dipende solo dai termini previsti dall’Unione europea, ma dalla necessità di soddisfare le esigenze delle cittadine e dei cittadini.

Per questo sono convinto che chi prenderà le redini del Paese dopo il 25 settembre proseguirà su questa strada senza disperdere il grande lavoro che abbiamo portato avanti con il Pnrr.

Oltre 2 miliardi di euro per trasformare 100.000 classi e renderle ambienti di apprendimento innovativi. Un investimento di 1,189 miliardi per costruire 212 nuove scuole, progettate seguendo i bisogni del territorio di riferimento e le indicazioni di un qualificato gruppo di architetti. 4,6 miliardi per intervenire sul segmento dell’infanzia, fondamentale per contrastare la povertà educativa, con l’obiettivo di aumentare l’offerta per la fascia 0-6 con 264.480 nuovi posti, in particolare al Sud, dove le strutture sono meno presenti. Una misura di giustizia non solo per i più piccoli, ma anche per sostenere la genitorialità e l’occupazione femminile. Mense per garantire il tempo pieno, palestre per concorrere al pieno sviluppo di ogni giovane, interventi di messa in sicurezza del patrimonio edilizio scolastico, ma anche azioni per le competenze: 1,5 miliardi per ridurre i divari territoriali, risorse per gli Istituti tecnici superiori (Its), riformati grazie alla collaborazione del Parlamento, nuove regole per accedere all’insegnamento e la decisione di mettere la formazione al centro di un percorso professionale prezioso per la salute della nostra democrazia.

Sono solo alcuni dei passi di un cammino di rinnovamento che abbiamo portato avanti senza esitazione, coinvolgendo tutti coloro che sono parte della scuola. Un cammino che non si deve interrompere e va sostenuto con responsabilità e passione.

*Ministro dell’Istruzione

Scuola, tutti gli approfondimenti

La newsletter di Scuola+

Professionisti, dirigenti, docenti e non docenti, amministratori pubblici, operatori ma anche studenti e le loro famiglie possono informarsi attraverso Scuola+, la newsletter settimanale de Il Sole 24 Ore che mette al centro del sistema d'istruzione i suoi reali fruitori. La ricevi, ogni lunedì nel tuo inbox. Ecco come abbonarsi

Le guide e i data base

Come scegliere l’Università e i master? Ecco le guide a disposizione degli abbonati a Scuola+ o a 24+. Qui la guida all’università con le lauree del futuro e il database con tutti i corsi di laura

Lo speciale ITS

Il viaggio del Sole 24 Ore negli Its per scoprire come intrecciare al meglio la formazione con le opportunità di lavoro nei distretti produttivi delle eccellenze del made in Italy. Tutti i servizi

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati