Reclutamento

Bianchi: «Concorso per prof inadeguato, ereditato dal passato». E scatta la polemica

L’altissima percentuale di bocciati scatena la contestazione contro l’Istruzione. Finisce nel mirino il metodo dei quiz «a crocette». Critici anche i presidi

di Redazione Scuola

(IMAGOECONOMICA)

2' di lettura

«È un concorso che noi abbiamo ereditato dal passato, con una modalità di organizzazione anche delle prove che si è dimostrata non adeguata», con queste parole il ministro dell'Istruzione, Patrizio Bianchi, ha replicato alle polemiche nate in seguito all'altissima percentuale di bocciati - in alcuni casi anche del 90% - nelle prove dedicate agli aspiranti insegnanti delle scuole medie e superiori. Dichiarazioni definite «inconcepibili» dal Movimento 5 stelle che ricorda al titolare dell'Istruzione di aver firmato lui stesso la nuova modalità di selezione dei prof. La stessa ex ministra, Lucia Azzolina, si dice «stupita». «Sono parole molto avventate - aggiunge -. Spero si tratti di una svista, altrimenti vuol dire che il ministro firma atti a sua insaputa».

Le polemiche

A scatenare le polemiche è stato il concorso per docenti di scuola secondaria di primo e secondo grado al quale stanno partecipando oltre 500mila candidati e che ha avuto un elevatissimo numero di bocciati. Un caso di cui si sono fatte carico anche le associazioni dei consumatori che hanno già annunciato maxi-ricorsi al Tar. «Questo era l'ultimo passaggio di una storia precedente, che ha dimostrato tutti i limiti, non c'è nessun dubbio», - ha detto Bianchi annunciando l'intenzione del governo di «andare verso concorsi annuali».
«Se anche il ministro Bianchi riconosce l'inopportunità dei cosiddetti “quiz a crocette” per valutare la preparazione e la professionalità dei docenti - spiega il M5s - ascolti la nostra richiesta e modifichi i criteri dei concorsi introducendo, così come fatto per il concorso ordinario bandito dal governo Conte II, prove scritte a risposta aperta».
Critiche da Fratelli d'Italia che parla di «metodo fallimentare», mentre la Lega, con il senatore Mario Pittoni, rilancia la proposta di riforma del concorso del Carroccio che «esclude i test a crocetta».

Loading...

I presidi

«Il problema non è il concorso ma la metodologia affidata a un principio meramente nozionistico - rincara la dose l'Associazione nazionale presidi -. In questo modo selezioniamo solo cultori della materia ma non docenti. A cosa servono le domande con le crocette? I concorsi non possono funzionare per le dimensioni del sistema. L'unico modo è affidarli alle scuole. Dovremmo far selezionare alle stesse scuole il docente che deve insegnare lì».

Scuola, tutti gli approfondimenti

La newsletter di Scuola+

Professionisti, dirigenti, docenti e non docenti, amministratori pubblici, operatori ma anche studenti e le loro famiglie possono informarsi attraverso Scuola+, la newsletter settimanale de Il Sole 24 Ore che mette al centro del sistema d'istruzione i suoi reali fruitori. La ricevi, ogni lunedì nel tuo inbox. Ecco come abbonarsi

Le guide e i data base

Come scegliere l’Università e i master? Ecco le guide a disposizione degli abbonati a Scuola+ o a 24+. Qui la guida all’università con le lauree del futuro e il database con tutti i corsi di laura

Lo speciale ITS

Il viaggio del Sole 24 Ore negli Its per scoprire come intrecciare al meglio la formazione con le opportunità di lavoro nei distretti produttivi delle eccellenze del made in Italy. Tutti i servizi

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati