L’audizione

Bianchi: per le esperienze di lavoro serve un responsabile in ogni scuola

Il ministro dell'Istruzione ascoltato in VII Commissione alla Camera. Per difendere il Pnrr, accordo con Gdf contro le infiltrazioni malavitose

di Redazione Scuola

(ANSA)

2' di lettura

«E' evidente che dobbiamo avere una scuola aperta però nella funzione propria della scuola cioè educativa. Non c'è nessuna possibilità di surrogare l'attività di lavoro con l'attività educativa. Sono cose diverse che vanno regolate diversamente. E' chiaro anche che vi sono delle attività esperienzali che vanno condotte proprio in questa scuola che vuole essere aperta ma non solo deve essere sicura, sicurissima ma in grado di valutare di volta in volta le singole esperienze. Queste sono esperienze che si legano con il capitolo fondamentale dell'orientamento ed in ogni scuola ci deve essere un responsabile preparato su questo che a sua volta è in grado di valutare le singole esperienze e di riportarle all'interno di un coerente quadro didattico della scuola». Lo ha detto il ministro all'Istruzione Patrizio Bianchi durante l'audizione in VII Commissione (Cultura, Scienza e Istruzione) alla Camera.

Pnrr, accordo con Gdf contro infiltrazioni malavitose

«Ho cercato di tutelare in ogni modo questo investimento straordinario che lo Stato sta facendo» ha detto ancora Bianchi parlando del Pnrr e in particolare della costruzione delle 195 scuole e dell'aiuto che hanno bisogno i Comuni per realizzarle. Dopo aver ricordato l'istituzione della commissione presieduta da Renzo Piano, Bianchi ha spiegato di aver fatto anche un accordo con l'Autorità anticorruzione: «Abbiamo fatto un accordo specifico con la Guardia di Finanza. Ed ho istituito un nucleo interno al ministero che collabora con la Guardia di Finanza e con l'Anac per essere sicuri che non vi siano infiltrazioni perchè vi possono essere, lo sappiamo. Possono essere infiltrazioni malavitose o anche semplicemente che vi siano cattivi utilizzi di queste risorse. A capo di questo nucleo interno - ha precisato - c'è il generale dei Cc in riserva Antonio Labianco che si è messo a disposizione” .

Loading...

«Sud, in molte aree il 55% delle opere dell’Istruzione»

«Mi ero impegnato a realizzare almeno il 40 per cento delle opere di competenza del ministero dell'Istruzione nel Mezzogiorno, in molte aree siamo al 55 per cento», ha aggiunto il ministro dell'Istruzione. «Credo che questo sia importante, soprattutto per quanto riguarda gli asili nido, dove la differenza tra molte aree del Nord e del Sud è notevole. Stiamo parlando, per gli asili nido, da quasi il 50% di possibilità per un bambino che nasce a Reggio Emilia a un 3,5% di un bambino che nasce a Messina», ha concluso.

Scuola, tutti gli approfondimenti

La newsletter di Scuola+

Professionisti, dirigenti, docenti e non docenti, amministratori pubblici, operatori ma anche studenti e le loro famiglie possono informarsi attraverso Scuola+, la newsletter settimanale de Il Sole 24 Ore che mette al centro del sistema d'istruzione i suoi reali fruitori. La ricevi, ogni lunedì nel tuo inbox. Ecco come abbonarsi

Le guide e i data base

Come scegliere l’Università e i master? Ecco le guide a disposizione degli abbonati a Scuola+ o a 24+. Qui la guida all’università con le lauree del futuro e il database con tutti i corsi di laura

Lo speciale ITS

Il viaggio del Sole 24 Ore negli Its per scoprire come intrecciare al meglio la formazione con le opportunità di lavoro nei distretti produttivi delle eccellenze del made in Italy. Tutti i servizi

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati