ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùDiscorso alla nazione

Usa, Biden: «Basta divisioni, sconfiggiamo insieme razzismo e pandemia»

Nel suo primo discorso alla nazione il presidente eletto più che vantarsi della vittoria ha lanciato un appello di unità agli avversari

dal nostro corrispondente Riccardo Barlaam

Joe Biden, chi e' il nuovo inquilino della Casa Bianca

Nel suo primo discorso alla nazione il presidente eletto più che vantarsi della vittoria ha lanciato un appello di unità agli avversari


3' di lettura

NEW YORK - «Torniamo a essere gli Stati Uniti d'America. Mi impegno a essere un presidente che porta unità e non divisione. Non ci sono stati blu o stati rossi. Non ci sono nemici ma avversari. Io sarò il presidente di tutti». Joe Biden ha tenuto il suo primo discorso alla nazione da presidente eletto dal palco illuminato di blu con lo sfondo delle bandiere a stelle a strisce del Chase Center di Wilmington, la sua città in Delaware, davanti al fiume, a una folla di sostenitori in un drive in e a milioni di persone in tutta l'America in festa per la vittoria dei democratici e la sconfitta di Donald Trump.

Agli avversari

Biden si è rivolto ai milioni di americani che non hanno votato per lui più che vantarsi per la sua vittoria. «Comprendo la vostra delusione, ho perso anche io un paio di volte - ha detto, riferendosi alla conclusione della sua terza corsa alla presidenza americana, questa volta vittoriosa. «Ora diamoci una possibilità a vicenda. E' tempo di mettere parte le divisioni, la dura retorica di abbassare la temperatura», ha detto il presidente eletto. Ieri i sostenitori di Trump, che non ha accettato la sconfitta e ha detto che continuerà la battaglia legale sul voto, sono scesi in strada in molte città americane e hanno manifestato armati davanti alle sedi dei governi statali. In questa America divisa e lacerata in due Americhe come mai prima c’è chi festeggia come se fosse la festa della liberazione e chi abbraccia le armi. «Lasciamo che questa cupa era di demonizzazione in America cominci a finire, qui ed ora», ha concluso. «Ora è il tempo di riconciliarsi e di guarire le ferite del Paese, dal razzismo sistemico alla pandemia».

Loading...

Il presidente più anziano della storia

Quando giurerà sulla Costituzione il 20 gennaio e inizierà il suo mandato Biden avrà 78 anni. Sarà il più anziano presidente della storia ed è stato anche il più votato di sempre con oltre 75 milioni di americani che lo hanno scelto.

I consiglieri anti-Covid

Biden ha annunciato che lunedì nominerà un gruppo di scienziati ed esperti come consiglieri della fase di transizione per tradurre in azione il suo piano contro la pandemia a partire dal 20 gennaio, giorno del suo insediamento. «Il piano sarà fondato sulla scienza e sarà costruito con compassione, empatia e premura», ha detto il nuovo presidente americano. Il nostro lavoro inizia con il mettere sotto controllo il Covid. Non risparmierò alcuno sforzo per battere questa pandemia»

Ovazione per Kamala

Prima di lui sul palco è salita Kamala Harris, raggiante ed emozionatissima. La vice presidente eletta, 54 anni, è stata accolta da una vera e propria ovazione. La nuova generazione del partito democratico che sale ai vertici della nazione. Prima vice presidente donna, afroamericana e indoamericana, la senatrice della California ed ex procuratore capo della California ha pronunciato un discorso sui diritti delle donne e la partecipazione che passerà alla storia. Figlia di un economista giamaicano che insegna a Stanford e di una endocrinologa indiana, ha ricordato la madre Shyamala Gopalan, che è arrivata negli Stati Uniti a 19 anni e tutte le altre donne come lei che «attraverso la storia della nostra nazione hanno costruito la strada che ha permesso di arrivare fino a questo momento». «Può essere che sarò la prima donna vice presidente, ma non sarò l’ultima», ha detto la vice presidente eletta. «Perché ogni bambina che stasera mi sta ascoltando deve sapere che questa è la terra delle opportunità».

Un nuovo giorno per l’America

Harris ha ricordato il senatore afroamericano John Lewis, recentemente scomparso, simbolo delle battaglie sui diritti civili: «Lewis diceva che la democrazia è un atto, un'azione e non una mera forma di governo. A volte bisogna combattere per difenderla. E in queste elezioni era in ballo la sopravvivenza della democrazia. Insieme abbiamo vinto, insieme costruiremo un nuovo futuro. E' un nuovo giorno per l'America». I fuochi d'artificio bianchi rosso e blu,come il colore della gigantesca bandiera americana innalzata dalle gru colorano il cielo, in un mare di coriandoli colorati tra gli applausi, le bandiere e le ovazioni, con la musica di Sky full of stars, un cielo pieno di stelle, dei Coldplay. E' davvero un nuovo giorno per l'America.


Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Riccardo Barlaamcorrispondente da New York

    Luogo: New York, USA

    Lingue parlate: inglese, francese

    Argomenti: economia, finanza e politica internazionale

    Premi: Premio Baldoni (2008), Harambee (2013), Overtime Film Festival (2017)

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti