ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùUsa

Biden al Congresso: dobbiamo intervenire sulle armi, basta carneficine

Il presidente Usa ha invocato regole più stringenti sul controllo di armi ma la riforma è bloccata al Senato. Nuova sparatoria in Iowa

Usa: Biden commosso a memoriale Uvalde, con sua moglie depone una corona di fiori

2' di lettura

«Dobbiamo fare qualcosa questa volta» sulle armi: «non si tratta di strappare le armi a qualcuno o diffamare chi ha armi legalmente» ma «quante altre carneficine siamo disposti ad accettare?». Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, rivolgendosi alla nazione dopo l’ennesima sparatoria di massa dall’inizio del 2022. Nella notte italiana, dopo gli ultimi episodi in Texas e Oklahoma, si sono consumate altre violenze nell’Iowa: due donne sono state uccise a colpi d’arma da fuoco in Iowa, nel parcheggio di una chiesa, da un uomo che si è poi tolto la vita.

Biden ha esortato il Congresso ad accelerare su leggi più severe per il controllo delle armi da fuoco, una riforma avversata dalla destra repubblicana e dalla lobby del settore. Le tutele esistenti per l’industria delle armi sono «oltraggiose, devono finire», ha detto il presidente, definendo «incoscienti» i repubblicani che ostacolano qualsiasi dibattito in Senato. Intanto, a livello locale, iniziano a emergere le prime strette: l’Assemblea legislativa di New York ha approvato una legge che vieta ai minori di 21 anni l’acquisto ed il possesso di armi semiautomatiche, oltre a imporre una licenza specifica sull’acquisto.

Loading...

Il dibattito sul «gun control» e il miraggio di una legge più severa

Il dibattito sul gun control, il controllo delle armi, è tornato ad accendersi con l’escalation di sparatorie e vittime nella prima metà dell’anno. Solo fra gli ultimi episodi si contano il massacro in una scuola elementare del Texas, dove un 18enne ha ucciso 19 alunni e due docenti, e il blitz di un uomo armato in una struttura ospedaliera di Tulsa, nell’Oklahoma: un primo bilancio parla di diversi feriti e cinque vittime, incluso lo stesso attentatore. Le pistole, ha ricordato Biden, «sono il killer numero uno di bambini negli Usa», davanti agli incidenti stradali.

L’intervento della Casa Bianca arriva nel vivo di trattative bipartisan fra i Senatori per una - leggera - modifica alle regole sul possesso delle armi da fuoco. I Repubblicani, che controllano metà della Camera alta, mantengono uno zoccolo duro di rappresentanti ostili a qualsiasi ritocco sulla «libertà di difendersi». È improbabile che il braccio di ferro sfoci in una riforma radicale o, almeno, in un testo che irrigidisca i criteri d’accesso all’acquisto di armi. L’agenzia Associated Press scrive che i senatori potrebbero convergere su un pacchetto, più blando, per aumentare i finanziamenti federali in favore di misure sulla sicurezza delle scuole e sulla salute mentale. Fra le ipotesi c’è anche quella di un sistema di «bandiere rosse» per impedire l’accesso alle armi a chi viene reputato pericoloso o comunque inadatto alla loro gestione.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti