A Venezia

Biennale, Valentino è main sponsor del Padiglione Italia

La scelta della maison di supportare «Storia della notte e destino delle comete» di Gian Maria Tosatti alla 59esima Esposizione Internazionale d’Arte conferma il forte legame tra moda e arte. Dai privati 1,4 milioni di euro di finanziamenti, oltre i due terzi del totale

di Marta Casadei

I punti chiave

  • La 59esima Biennale d’Arte si apre a Venezia il 23 aprile prossimo
  • Il Padiglione Italia rappresenta l’opera di un unico artista, Gian Maria Tosatti
  • I due terzi dei finanziamenti al Padiglione sono privati (1,4 milioni) e Valentino è main sponsor

2' di lettura

Valentino rafforza il proprio legame con il mondo dell’arte (e con Venezia) sponsorizzando il Padiglione Italia alla 59esima Esposizione Internazionale d’Arte - La Biennale di Venezia, in programma dal 23 aprile al 27 novembre 2022 e curata da Cecilia Alemani.

Il Padiglione Italia è curato da Eugenio Viola e, per la prima volta nella storia della manifestazione, sarà rappresentato da un artista unico: Gian Maria Tosatti. Un artista con cui Pier Paolo Piccioli, direttore creativo di Valentino, condivide curiosità e sistema di valori e con cui ha intrapreso un dialogo.

Loading...

«Storia della notte e destino delle comete», questo il titolo dell’opera, è «una grande installazione ambientale che offre una visione suggestiva dello stato attuale dell’umanità e delle sue prospettive, con uno sguardo propositivo e ottimista», si legge nella nota della maison. Il presidente della Biennale, Roberto Cicutto, lo ha definito «un messaggio di “speranza” e di convivenze che vogliono essere un segnale in un momento complicato in cui viviamo. Un messaggio di pace e di sostenibilità».

Moda e arte, Valentino fa sfilare la couture dei pittori contemporanei

Moda e arte, Valentino fa sfilare la couture dei pittori contemporanei

Photogallery19 foto

Visualizza

Anche la location del Padiglione Italia - ospitato sulle mura delle Tese delle Vergini - è cara a Valentino:Pier Paolo Piccioli aveva scelto le Gaggiandre dell’Arsenale per presentare la collezione di alta moda Valentino DesAteliers, a luglio 2021. Anche in quel caso il progetto era concepito come un dialogo tra moda, arte contemporanea e artisti di talento. E proprio in quell’occasione la maison sponsorizzava il 49°Festival Internazionale del Teatro - La Biennale di Venezia.

Come dichiarato durante la conferenza stampa di presentazione da Onofrio Cutaia, direttore generale dipartimento creatività contemporanea del Mic e commissario del Padiglione Italia, a fronte di uno stanziamento pubblico di 600.000 euro, i fondi privati che hanno sostenuto l’opera sono pari a 1,4 milioni e quindi a oltre ai due terzi del totale. Cutaia ha definito i fondi privati «necessari perché l’opera è molto importante e strutturata ed ha bisogno di risorse finanziarie, che non sono infinite ma sono necessarie».

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti