LA PROPOSTA DELLA COMMISSIONE

Bilancio Ue 2021-2027, i fondi per la ricerca raddoppiano a 100 miliardi

di Beda Romano

2' di lettura

DAL NOSTRO CORRISPONDENTE
BRUXELLES – Nel quadro del prossimo bilancio comunitario 2021-2027, la Commissione europea ha proposto di riservare alla Ricerca & Sviluppo fino a 100 miliardi di euro, quasi il doppio rispetto al 2014-2020. Il nuovo programma in questo cruciale ambito si chiamerà Orizzonte Europa e sostituirà Orizonte 2020, giunto a conclusione. La strategia comunitaria si baserà su tre pilastri e cinque ambiti, secondo quanto spiegato dal commissario responsabile per la ricerca scientifica Carlos Moedas.

«Vogliamo promuovere le eccellenze più di prima», ha spiegato l'uomo politico portoghese, parlando a un gruppo di giornali stranieri. «Tra le altre cose, vogliamo creare nuove sinergie tra i fondi per la ricerca e i fondi per la coesione. Mentre i primi servono a finanziare innovazioni, i secondi servono a creare nuove capacità». In questa ottica, verrà creato un nuovo Consiglio europeo per l'innovazione (EIC) che sarà responsabile di facilitare l'arrivo sul mercato di novità scientifiche.

Loading...

Obiettivo: aumentare la collaborazione tra i paesi
Come detto, la strategia comunitaria si baserà su tre pilastri: le scienze fondamentali (25,8 miliardi), le sfide globali (52,7 miliardi), e l'innovazione a favore dei mercati (13,5 miliardi). Il secondo pilastro avrà cinque ambiti : la salute, la sicurezza, l'industria digitale, il clima e l'energia, l'alimentazione e le risorse naturali. L'obiettivo del commissario Moedas è di promuovere la collaborazione scientifica tra paesi e tra istituzioni. «Tutti i paesi hanno le proprie eccellenze – ha detto –. Ne sono convinto».

Un Consiglio europeo per l’innovazione
L'aspetto istituzionale più interessante della proposta comunitaria è la creazione di un nuovo Consiglio europeo per l'innovazione, che dà solo riceverà 10 miliardi di euro. Il suo compito sarà di facilitare l'ingresso sul mercato delle invenzioni più innovative e promettenti. Verrà strettamente associato all'Istituto europeo per l'Innovazione e la Tecnologia (EIT). La Commissione europea sta preparando il nuovo bilancio comunitario sulla base della prossima uscita del Regno Unito dall'Unione.

Su questo fronte, l'esecutivo comunitario propone due linee direttrici. La prima è stata stabilita dal Consiglio europeo e prevede che dal momento di Brexit la Gran Bretagna venga considerata in tutto e per tutto un paese terzo. In secondo luogo, il Regno Unito, come qualsiasi altro paese terzo, raccoglierà in futuro tanti frutti dai programmi scientifici comunitari quanto quelli che avrà versato. In questo senso, sarà necessaria stilare una intesa bilaterale tra Londra e Bruxelles.

Parola a Consiglio e Parlamento
La proposta della Commissione dovrà ora essere approvata dal Consiglio e dal Parlamento, esattamente come le altre proposte comunitarie presentate nelle ultime settimane, tutte nel quadro del bilancio comunitario 2021-2027 (agricoltura, fondi di coesione, bilancio della zona euro). Dei 100 miliardi di euro proposti oggi, 97,6 miliardi andranno al programma Orizzonte Europa; mentre altri 2,4 miliardi di euro saranno dedicati al programma Euratom.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti