ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùfilantropo a tempo pieno

Bill Gates lascia Microsoft: «Farò di più per salute globale, istruzione e ambiente»

Lascia il Cda della Corporation e il ruolo in consiglio di amministrazione nella holding Berkshire Hathaway

di Lucilla Incorvati

default onloading pic
(AFP)

Lascia il Cda della Corporation e il ruolo in consiglio di amministrazione nella holding Berkshire Hathaway


3' di lettura

Forse la preoccupazione per gli effetti pandemici del Covid-19 a livello mondiale e la voglia di contribuire concretamente ad arginarli hanno spinto Bill Gates a dedicarsi a tempo pieno alla filantropia. Ecco perché il grande manager, grande filantropo (è l’uomo più ricco al mondo con un patrimonio personale di 110 miliardi di dollari) da qualche giorno non è più nel Consiglio di amministrazione della sua Microsoft , azienda da lui fondata nel lontano 1975 con Paul Allen, una delle più grandi corporation del mondo con una capitalizzazione di 1200 miliardi di dollari. Gates ora vuole passare più tempo lavorando sulla salute globale, sull'istruzione e sulla lotta ai cambiamenti climatici. E proprio a proposito della lotta al Covid-19 qualche giorno fa Bill & Melinda Gates Foundation ha avviato una partership con Wellcome e Mastercard con un fondo di 125 milioni di dollari per creare un accelleratore destinato velocemente a sviluppare trattamenti contro il virus. Si tratta di un accelleratore terapeutico progettato per riunire risorse e competenze per ridurre il rischio finanziario e tecnico per università, biotech e aziende farmaceutiche , garantendo nel contempo che i nuovi trattamenti siano facilmente accessibili e alla portata di persone con redditi bassi e più vulnerabili in tutto il mondo.

Filantropo da oltre 20 anni. Già la scorsa settimana la Fondazione aveva messo a disposizione dei cittadini di Seattle il tampone per verificare la positività al Coronavirus, poi è arrivato l’annuncio sull’addio alla Microsoft. In realtà, sempre per dedicarsi alla filantropia con sua moglie Melinda Gates attraverso la loro Fondazione creata nel 2000, Gates già 15 anni fa aveva abbandonato le cariche operative della sua Microsoft. Ha ricoperto la carica di Ceo di Microsoft fino al 2000, anno in cui è stata avviata la fondazione, poi della società fino a febbraio 2014. La Fondazione promuove progetti educativi, sanitari e contro la povertà.

Gates & Microsoft. In tempi più recenti, Gates aveva lavorato come consulente dell'attuale amministratore delegato di Micrososft Satya Nadella in aree tecnologiche tra cui produttività, software sanitario e intelligenza artificiale, e continuerà a farlo. «Microsoft sarà sempre una parte importante del lavoro della mia vita e continuerò a impegnarmi con Satya e la leadership tecnica per contribuire a modellare la visione e raggiungere gli ambiziosi obiettivi dell'azienda », ha scritto Gates in un post sul blog venerdì. «Mi sento più ottimista che mai sui progressi dell’azienda e su come può continuare a beneficiare il mondo». «Microsoft continuerà a beneficiare della costante passione e consulenza tecnica di Bill per far avanzare i nostri prodotti e servizi» , ha dichiarato Nadella in una nota. «Sono grato per l'amicizia di Bill e non vedo l'ora di continuare a lavorare al suo fianco per realizzare la nostra missione di responsabilizzare ogni persona e ogni organizzazione del pianeta per ottenere di più». Secondo alcuni analisti, la riuscita transizione dell'azienda verso nuove attività e il ritorno alla crescita sotto Nadella significa che è improbabile che gli azionisti si preoccupino dell’uscita del fondatore.

Addio anche a Berkshire Hathaway. Gates , 65 anni, ha anche lasciato il consiglio di amministrazione della holding di Warren Buffett, Berkshire Hathaway. Gates è entrato a far parte della compagnia gestita dal suo amico di lunga data Warren Buffett (89 anni, anche lui ai vertici delle classifiche degli uomini più ricchi al mondo e anche lui noto filantropo). Sarà sostituito da Kenneth Chenault, ex CEO di American Express Co., che entrerà a far parte del consiglio del Berkshire. American Express si è classificata come il quarto più grande investimento azionario del Berkshire alla fine del 2019. Anche Chenault si è dimesso dal consiglio di amministrazione di Facebook Inc. e dal consiglio di amministrazione del Berkshire alla fine del 2004 e la coppia ha approfondito i legami nel 2006, quando Buffett ha dichiarato che avrebbe pianificato di distribuire la maggior parte della sua fortuna a gruppi di beneficenza tra cui la Gates Foundation. Buffett e Gates, entrambi miliardari, hanno continuato a spingere per maggiori sforzi filantropici tra i più ricchi, con iniziative come “The Giving Pledge”. Si tratta di un’iniziativa destinata ai grandissimi ricchi che vogliono aiutare a portare avanti battaglie come l’istruzione nel mondo, la sanità e giustizia per tutti, la lotta ai cambiamenti climatici. Chi aderisce si impegna a donare almeno la metà delle proprie ricchezze a questi scopi.

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti