Beverage

Birra, con la chiusura di bar e ristoranti i consumi non hanno rallentato

In iper e supermercati vendite in aumento per tutti i tipi di bottiglie con picchi del +15%

di Manuela Soressi

(AdobeStock)

2' di lettura

Anno da record il 2020 per la birra in Italia: per la prima volta le vendite nella distribuzione moderna hanno superato i due miliardi di euro. Sembra proprio che l’anno scorso la birra abbia messo il turbo: se nel 2019 le vendite nel retail erano aumentate del 3%, tra gennaio e dicembre 2020 il trend è più che triplicato cogliendo un risultato a due cifre (+10,7%), come rivela un report di Iri.

Molto “si deve” alla chiusura di bar ed esercizi pubblici, causata dai vari lockdown, che ha spostato i consumi in casa e ha rivitalizzato gli acquisti, cresciuti in modo importante anche nei volumi (+9%), arrivati a oltre 11 milioni di ettolitri. Dunque, anche in un anno anomalo e difficile com’è stato il 2020, la birra ha accresciuto la sua centralità nell’universo del largo consumo confezionato.

Loading...

Se la Gdo avanza, il fuoricasa arretra, anche se con sfumature diverse tra i differenti operatori, come emerge dal servizio di misurazione Iri Grossisti Bevande. Il risultato più negativo è stato quello dei grossisti, che nel 2020 hanno perso quasi il 36% del giro d’affari realizzato con le birre e dei volumi venduti. Invece i cash&carry si sono fermati a un -2,3% a valore e hanno mantenuto stabili i volumi grazie al ripensamento e alla diversificazione dell’offerta realizzati con l’obiettivo di trovare nuovi clienti anche fuori dal mondo dei professionisti dell’horeca.

Anche in supermercati, ipermercati e discount (questi ultimi veri motori della crescita della birra, con un aumento del 15,7% delle quantità vendute nel 2020) in questi lunghi mesi di pandemia lo scaffale della birra è molto cambiato.

«I problemi logistici durante i periodi di lockdown hanno portato alla razionalizzazione dell’offerta, al calo della pressione promozionale e al sostanziale azzeramento dell’innovazione di prodotto – spiega Marzio Fontanella, account director business insights di Iri –. Ma in questi primi mesi del 2021 gli assortimenti medi a scaffale sono tornati a crescere e questo dovrebbe spingere gli italiani ad aumentare gli acquisti».

Ma che tipo di birra hanno preferito comprare i consumatori quando sono andati a fare la spesa? Oltre il 42% delle quantità messe nel carrello rientra nella categoria standard, che ha generato 759 milioni di euro di sell-out, il 9,5% più che nel 2019. Un altro 16% dei volumi è fatto dalle special beer, il vero fenomeno del momento: nel 2020 hanno macinato il 19% di vendite in più rispetto ai 12 mesi precedenti, arrivando a 568 milioni di euro e consolidandosi come secondo segmento dell’universo birra (27,7% di quota a valore).

Anche le quantità sono aumentate allo stesso ritmo e oggi le speciali rappresentano il 16,4% di tutte le birre vendute nella Gdo in Italia. Il 2020 ha visto crescere anche gli altri segmenti, in particolare le cosidette “saving” (+7,1%) e le sophistication (+5,9%), che hanno un prezzo al litro leggermente superiore. Positive anche le beer mix (+3,9%) e le birre analcoliche e light (+4,9%).

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti