criptovalute

Bitcoin a briglia sciolta, «no» delle grandi banche al future

di Vito Lops

Epa

3' di lettura

Mancano 48 ore al debutto dei primi future sul Bitcoin (partenza il 10 dicembre sul mercato Cbo, la più importante Borsa di scambio delle opzioni). Ma le grandi banche fanno muro e si dicono preoccupate che il sistema finanziario non sia ancora abbastanza preparato al lancio di contratti legati a un asset così volatile (ieri è passato da oltre 19mila dollari a 16mila in mezz’ora).

In una lettera inviata alla Commodity futures trading commission - che ha autorizzato il lancio dei contratti derivati sulla criptovaluta anche il 18 dicembre sulla piattaforma Cme - la Fia (Futures industry association) prende le distanze da quello che molti considerano un momento storico: l’approdo del Bitcoin nell’universo mainstream. Per una valuta che finora ha fatto dei suoi punti di forza la segretezza (crypto in greco vuol dire “nascosto”) e la deregolamentazione (alle spalle non c’è una banca centrale ma la tecnologia blockchain che ne governa il processo di estrazione cibernetico attraverso server dislocati in tutto il mondo) sbarcare sui mercati di Chicago sembra una promozione. Che comunque non convince i grandi attori della finanza.

Loading...

Il fatto che la protesta arrivi dalla più forte lobby dei contratti future, di cui fanno parte i più importanti broker (fra cui Goldman Sachs, Morgan Stanley, Jp Morgan e Citigroup) suona come uno scontro tra Titani. Le grandi banche restano scettiche sulle criptovalute, di cui il Bitcoin è l’esemplare più significativo dato che ha abbondantemente oltrepassato la soglia dei 200 miliardi di capitalizzazione (più di Coca-Cola o Citigroup), oltre la metà del mercato delle “valute segrete”. Jamie Dimon, ad di Jp Morgan, ha definito le criptovalute «una frode». Per Mark Mobius di Franklin Templeton sono «una bolla».

Nella lettera la Fia critica il sistema di autocertificazione utilizzato dalla Cftc per avallare i future sul Bitcoin: «La rapida introduzione di future su Bitcoin non consente di avere adeguata trasparenza. Usare uno schema di autocertificazione per questi prodotti nuovi non è in linea con i rischi potenziali, che dovrebbero essere esaminati. Siamo anche a conoscenza -si legge ancora nella lettera - del fatto che non tutti i comitati di rischio delle Borse interessate sono stati consultati prima della certificazione per il lancio di questi prodotti».

Il timore è che l’eccessivà volatilità a cui potrebbe essere esposto il Bitcoin possa tradursi in forti perdite sul mercato a leva dei future per i broker che fanno da garanti nella stanza di compensazione in caso di inadempienza dei trader. Secondo la Fia ci sarebbe dovuto essere un dibattito per valutare l’adozione di un fondo di garanzia separato per limitare l’impatto dei default. «Rimaniamo in apprensione per la mancanza di trasparenza e regolamentazione dei prodotti di riferimento sottostanti su cui questi contratti future sono basati - spiega la Fia - e se gli scambi hanno la corretta supervisione per garantire che i prodotti di riferimento non siano suscettibili di manipolazione, frode e rischio operativo».

Sul fatto che quello del Bitcoin resti un mercato opaco e vulnerabile i fatti danno ragione alla Fia. Lo scorso 29 novembre il Bitcoin è crollato del 20% in meno di 90 minuti dopo un report che segnalava la difficoltà della piattaforme di scambio a restare al passo con le richieste degli utenti. Inoltre ieri sulla piattaforma di scambio Coinbase (su cui si concentra circa un terzo dei volumi degli scambi) il prezzo ha raggiunto un picco 19.697 per poi crollare in meno di mezz’ora a 16.299. La stessa piattaforma è risultata per larga parte della giornata inaccessibile per eccessivo traffico. Mentre su altre piattaforme di scambio popolari il prezzo ha oscillato tra i 17mila e i 13mila dollari evidenziando una mancanza di sincronia nella formulazione di un prezzo condiviso. Insomma, piattaforma che vai prezzo che trovi (quando risulta accessibile). E come se non bastasse, a consolidare l’idea di vulnerabilità e opacità poche ore fa i pirati informatici hanno rubato quasi 70 milioni di dollari dalla piattaforma NiceHash, riuscendo a violare le misure di sicurezza e provocando il blocco del servizio per almeno 24 ore. Andrej Akraba, capo del marketing della piattaforma, ha confermato che sono stati rubati 4.700 Bitcoin da un portafoglio digitale, ovvero un account online dove sono immagazzinate le valute virtuali.

Il bitcoin non si ferma più: bolla o investimento?

Va detto che una volta che il Bitcoin approderà nella finanza mainstream (nonostante il tentativo di opposizione in extremis delle grandi banche) non è da escludere che la volatilità aumenti. Perché opzioni e future danno la possibilità di posizionarsi anche a ribasso. Secondo quanto riferito da Bloomberg alcuni fondi hedge stanno aspettando questo momento - puntare contro la criptovaluta - da diverso tempo.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti