6/6Business

Bitcoin/Il rischio bolla

(Agf)

Con il bitcoin che sfida le leggi di gravità e che conferma un'altissima volatilità l'invito è quello di non farsi allettare dalla prospettiva di facili guadagni. A inizio anno il bitcoin valeva meno di mille dollari poi a giugno ha toccato un picco oltre quota 3mila, per poi scivolare attorno a 2mila per i timori legati alla possibilità di una scissione interna. Una scissione che si è verificata a inizio agosto con la nascita di bitcoin cash, ma che non ha scalfito la fiducia che ha riportato la valuta oltre quota 4mila dollari alla vigilia di Ferragosto. Si tratta quindi di uno strumento adatto solo agli investitori esperti e professionali. Tenendo sempre presente che per sua natura bitcoin non ha alcuna autorità di emissione e di controllo che garantisca di difenderne il valore. Quindi il suo valore dipende dall'uso che se ne farà. In teoria potrebbe continuare la sua corsa. Ma anche crollare a zero nel caso si smettesse di usarlo.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti