4/6Business

Bitcoin/In caso di furto

(Ansa/Ap)

Un ingente danno si è già verificato nel 2014 nei confronti di coloro che si erano affidato ai servizi di MtGox, quello che allora era il listino di riferimento per il mondo delle criptovalute e che è sparito nell'arco di una notte sotto i colpi degli hacker. Si è scoperto che era una piattaforma decisamente opaca: il risultato è stato che i detentori di bitcoin hanno perduto tutto.

Paradossalmente il bitcoin sarebbe in teoria assolutamente sicuro perché ogni passaggio di proprietà di ogni singola unità viene tracciata in maniera criptata e immodificabile. Il nodo è che dietro ai singoli soggetti ci sono spesso pseudonimi di singoli o società che vogliono agire senza svelare la loro identità. È il caso di chi, come successo anche recentemente con Hbo e i suoi file della stagione del Trono di spade, chiede riscatti per la restituzione dei file o lo sblocco di computer. Sottolinea Chiriatti che in questo caso il sistema offre la possibilità di risalire ai criminali dal momento che gli exchange sono obbligati ad avere l'identità reale delle persone nel momento in cui convertono i bitcoin in valuta reale. Ma anche in questo caso entrano in scena paesi poco trasparenti che permettono di celare l'identità.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti