consumi

"Black Friday", in Francia si discute progetto di legge per vietarlo

Il Pdl 2274 contro gli sprechi e per l'economia circolare che stoppa questa pratica commerciale verrà esaminato dall'Assemblea nazionale a partire dal prossimo 9 dicembre e non si applicherà dunque al "Venerdì nero" del 29 novembre 2019 ormai alle porte

di Vittorio Nuti


Black Friday: un giro d'affari da 2 miliardi di euro

2' di lettura

La Francia contro il "Black Friday", il "venerdì nero" degli acquisti scontati che negli Stati Uniti segue il Giorno del Ringraziamento (Thanksgiving, il quarto giovedì di novembre) e dà il via allo shopping natalizio. A fare il primo passo per limitare questo fenomeno del marketing dilagato anche in Europa sono i deputati della commissione per lo Sviluppo sostenibile dell'Assemblea nazionale francese, che hanno approvato un emendamento per introdurre il divieto delle campagne promozionali legate al "Black Friday".

Grazie alla modifica, il progetto di legge 2274 "contro gli sprechi e per l'economia circolare" stopperà la pratica commerciale in Francia, ma solo dopo l'approvazione da parte dall'assemblea parlamentare, che ne inizierà l'esame dal prossimo 9 dicembre, e non si applicherà dunque "Black Friday" del 29 novembre 2019 ormai alle porte.

Guerra all'«eccessivo consumismo»
A presentare la misura è stata la deputata indipendente ed ex ministra dell'Ambiente, Delphine Batho, che intende così lottare contro «l'eccessivo consumismo».Perché, a loro avviso, ingannano i consumatori, facendogli credere di poter beneficiare dei saldi anche al di fuori dei periodi regolamentati per legge, e danneggiano l'ambiente.

Pene fino a 2 anni di carcere e 300mila euro di multa
L'obiettivo è inserire le promozioni del "Venerdì nero" tra le «pratiche commerciali aggressive», passibili di pene che vanno dal carcere fino a due anni a una multa di anche oltre 300mila euro. Chi combatte la moda di incentivare lo shopping prenatalizio importata dagli Usa attacca la pubblicità ingannevole legata al fenomeno, che lascia supporre forti sconti quando invece, secondo uno studio realizzato in Francia da UFC-Que choisir, la riduzione media dei prezzi è «inferiore al 2%».

Ambientalisti francesi protestano contro Amazon nel Black Friday

Le proteste del "Block Friday"
Intanto, in attesa del dibattito parlamentare, la ministra della Transizione ecologica, Elisabeth Borne, mette in guardia contro la «frenesia dei consumi» legata al "Venerdì nero" e critica il suo impatto sull'ambiente. Mentre gruppi di militanti ambientalisti, come Extinction Rebellion, Youth for Climate o Attac, preparano per venerdì 29 una serie di azioni di protesta e disobbedienza civile sotto lo slogan "Block Friday".

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...