operazione da 17 miliardi di dollari

Blackstone punta a rilevare Thomson Reuters Financial

di Monica D'Ascenzo

default onloading pic
(REUTERS)


3' di lettura

Nella migliore tradizione della casa, a dare la notizia dell’interesse di Blackstone per Thomson Reuters Financial è proprio l’agenzia stampa Reuters. Con un take nella notte e citando indiscrezioni, la news agency, fondata nel 1851 da Paul Julius Reuter, ha lanciato un flash in esclusiva: «Blackstone Group è in trattative avanzate per acquistare il 55% della divisione Financial & Risk di Thomson Reuters Group per più di 17 miliardi di dollari». A dirlo sono fonti vicine alle trattative, secondo le quali oggi il cda di Thomson Reuters dovrebbe riunirsi per valutare l’operazione.

Il fondo di Blackstone Group sarebbe, quindi, vicino a conquistare una quota di maggioranza del business principale del gruppo media, che fornisce dati, analisi e la piattaforma di trading non solo a Wall Street ma alle sale operative di tutto il mondo, in concorrenza con Bloomberg e Dow Jones del gruppo News Corp. Resterebbero fuori dal pacchetto tutte le attività relative alle news, per le quali tuttavia Blackstone si è impegnato a versare 325 milioni di dollari all’anno per trent’anni per la fornitura di notizie da parte dei 2.500 giornalisti di Reuters. La trattativa, a quanto riportano le agenzie stampa estere, sarebbe relativa a una partnership nella divisione che contava ricavi per 6,1 miliardi di dollari a fine 2016.

Attualmente azionista di maggioranza di tutto il gruppo, quotato a Wall Street, è la famiglia canadese Thomson, attraverso la società Woodbridge Co. che detiene il 63,6 per cento delle azioni.

A distanza di dieci anni dalla fusione fra la canadese Thomson e la britannica Reuters, il gruppo, quindi, sta valutando una riorganizzazione non da poco. E lo fa con un partner finanziario, che per altro conosce già il mercato dal momento che è azionista del gruppo Ipreo Holfing, acquisito nel 2014 per 975 milioni di dollari in partnership con Goldman Sachs. Da Thomson Reuters arriva la precisazione in una nota: «La proposta di partnership prevede che Thomson Reuters manterrebbe un interesse significativo nel settore F & R e allo stesso tempo manterrebbe la piena proprietà delle sue attività legali, fiscali e contabili e di Reuters News».

Il mercato di dati e news
Thomson Reuters al mondo se la gioca con Bloomberg. Quest’ultima, fondata da Michael Bloomberg (ex sindaco di New York) nel 1981, detiene a livello globale una quota di mercato del 33,4% contro il 23,1% del gruppo canadese, secondo le rilevazioni di Burton-Taylor International Consulting LLC. Un bel confronto fra concorrenti che si sono scalzati a vicenda nelle sale operative più importanti al mondo. Caso strano, in questa partita, è che Peter Grauer, presidente di Bloomberg LP, è un director non esecutivo in Blackstone. Non vorrà dire nulla ma è comunque un dettaglio che gli analisti fanno notare in questo frangente.

La partita di Thomson Reuters è quella di una ristrutturazione che riporti il gruppo a crescere, magari anche con nuovi investimenti. Le azioni della società, dopo aver visto il record di sempre in ottobre a 48,06 dollari, hanno perso terreno a causa del mancato raggiungimento delle attese del mercato nel terzo trimestre dello scorso esercizio. Il management aveva giustificato il risutato deludente con il ritardo di alcuni clienti nel sottoscrivere gli abbonamenti a causa dei cambiamenti regolatori soprattuti in Europa con Mifid II.

Ora gli operatori stanno a guardare, per capire come si potrà muovere il mercato, che comunque vada avrà sempre bisogno di dati e di analisi. Questo devono aver valutato in Blackstone per puntare a rilevare la maggioranza della divisione di Thomson Reuters. Che la mossa sia foriera di altri movimenti nel settore?






Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti