il premier in medio oriente

Blitz di Conte in Iraq e Libano: sul tavolo il taglio delle missioni italiane

di Gerardo Pelosi


6.000 militari all'estero, 34 missioni in 23 paesi

3' di lettura

Con la visita lampo di domani e giovedì in Iraq e Libano il premier Giuseppe Conte coprirà un vuoto lasciato dalla politica estera italiana negli ultimi mesi e aggiungerà un tassello decisivo al giro nelle principali capitali del Medio Oriente (la prossima tappa sarò il Marocco) che rivestono un ruolo di primo piano per la pace e la sicurezza del Mediterraneo. A Baghdad, Erbil e Beirut la presenza di Conte rappresenta un segno di attenzione non formale verso due Paesi dove l'Italia continua a dispiegare circa 2mila uomini nella coalizione anti-Isis e nell'Unifil per la stabilizzazione del Libano. Subito dopo il Consiglio dei Ministri di oggi il premier Conte è partito alla volta di Kuwait City dove, alla base di Ali Al Salem, ha visitato l'Italian National Contingent Command/Task Force Air (IT NCC/Task Force Air) Kuwait, ossia la componente aerea della forza anti Daesh, quella, in sostanza, deputata con i noistri mezzi aerei ad “illuminare” gli obiettivi dei terroristi islamisti da neutralizzare.

Poi il trasferimento a Baghdad dove Conte ha in programma incontri con il presidente, il curdo Baraham Salih e con il premier, Adil Abdul-Mahdi. L'ultimo premier italiano a visitare il Paese è stato Renzi nel 2015. C'è molto interesse da parte delle autorità politiche e religiose irachene sul ruolo che l'Italia può continuare a svolgere nel Paese per rafforzare il dialogo politico e favorire il processo democratico e la creazione di istituzioni stabili. Conte visiterà i militari italiani della missione che addestra la nuova guardia presidenziale irachena e le forze speciali. La Police Task Force Iraq, guidata dall' Arma dei Carabinieri ed inquadrata nella missione Iraq “Operation Inherent Resolve – Prima Parthica”, prosegue infatti le attività addestrative a supporto delle forze di polizia irachene e curde, fornendo ausilio nella transizione da assetti impiegati in operazioni militari ad agenzie di sicurezza poste a presidio della legalità.

Ritiro militari da Mosul, la ditta Trevi corregge Trenta
Se le per le missioni di addestramento non sono previste significative riduzioni, con le autorità irachene Conte dovrà affrontare la questione del progressivo ritiro dei circa 500 militari italiani della missione Praesidium, schierata nel 2016 a protezione della diga di Mosul e del personale della ditta italiana Trevi, che si occupa della messa in sicurezza della struttura. In ottobre il ministro della Difesa Elisabetta Trenta, in visita in Iraq, aveva annunciato il ritiro dei primi 50 uomini della Task force e la “chiusura completa della missione nel primo trimestre del 2019”. La Trevi ha però fatto sapere, secondo quanto riferisce l’agenzia Nova, che nel luglio del 2018 il contratto per i lavori alla diga di Mosul è stato prorogato fino a metà agosto del 2019.

Domani a Beirut il presidente del Consiglio incontrerà i militari italiani (circa 1100) alla base 'Millevoi' di Shama, dove avrà un incontro con i
vertici di Unifil e della missione di addestramento bilaterale Mibil. Conte avrà incontri con il presidente Michel Aoun e con il premier Rafiq al-Hariri e con lo Speaker del Parlamento, Nabih Berri.
La visita di Conte giunge a una settimana dalla formazione del nuovo governo libanese che ha visto ridimensionata la componente sunnita al suo interno. Il ruolo di Unifil resta cruciale anche a seguito dei continui sconfinamenti israeliani sulla linea verde. Con le autorità libanesi Conte affronterà anche la questione dei rifugiati (circa un milione) il numero più alto rispetto agli abitanti che sta alterando gli stessi equilibri religiosi nel Paese. Sul tavolo anche le prospettive dei rapporti economici bilaterali nonostante la grave crisi economica che sta attraversando il Paese con il settore finanziario (tradizionalmente sano) che fa fatica a mantenere la parità con il dollaro.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...