emergenza coronavirus

Bmw chiude un mese e dimezza le stime sui margini nel 2020

La casa automobilistica bavarese prevede profitti ante imposte «significativamente più bassi» rispetto al 2019. Confermato il piano da 30 miliardi di euro da investire in ricerca e sviluppo nei prossimi cinque anni

di Alberto Annicchiarico

default onloading pic

La casa automobilistica bavarese prevede profitti ante imposte «significativamente più bassi» rispetto al 2019. Confermato il piano da 30 miliardi di euro da investire in ricerca e sviluppo nei prossimi cinque anni


3' di lettura

Il coronavirus non risparmia nessuno. Ieri è toccato a Volkswagen e a Daimler, nei giorni precedenti a Psa, Fca, Renault. Oggi a Bmw, che in occasione della conferenza annuale ha annunciato la chiusura dei suoi impianti in Europa e Sudafrica, che coprono metà della sua capacità di produzione, fino al 19 aprile. Nonostante la situazione, Bmw conferma, come ha affermato il ceo Oliver Zipse, il piano da 30 miliardi di euro da investire in ricerca e sviluppo nei prossimi cinque anni, a riprova della fiducia nelle possibilità di sviluppo future.

Ovviamente, però, Bmw ha rivisto le prospettive per il 2020 e il titolo in Borsa ha risposto cadendo oltre il -7%. La casa automobilistica bavarese stima profitti ante imposte «significativamente più bassi» rispetto al 2019. I volumi di consegna in tutti i principali mercati saranno inferiori nel 2020. La società ha aggiunto che l'incertezza relativa agli effetti del coronavirus rende difficile prevedere con precisione le performance per il 2020. «Sulla base degli ultimi sviluppi, Bmw prevede che la diffusione del coronavirus e le misure di contenimento necessarie avranno un impatto negativo sui volumi di consegna in tutti i principali mercati nel corso del 2020 nel suo insieme», ha precisato la società.

Il prevedibile calo dei profitti sarà la conseguenza del calo della domanda e alla luce di questo il gruppo adeguerà il volume di produzione «in modo flessibile», ha precisato Zipse, in sella da luglio 2019. In questo quadro, negli stabilimenti in Europa e di «Rosslyn in Sudafrica sarà sospesa la produzione, per ora fino al 19 aprile» prossimo, ha aggiunto Zipse. «E' una situazione straordinaria. Tutti noi siamo colpiti, anche personalmente. Gli esperti e gli scienziati dicono cosa fare per limitare l'espansione della pandemia e le prossime settimane saranno decisive», ha affermato Zipse, aggiungendo che «molti Paesi hanno preso azioni forti che noi sosteniamo». Ad ogni modo, anche in questa situazione inedita, «noi dobbiamo mantenere la nostra capacità di agire e prepararci al dopo la crisi coronavirus», ha continuato il manager, sottolineando che «per noi la flessibilità è un vantaggio» e «vogliamo ridurre il rischio di infezione per i nostri dipendenti». Zipse ha voluto lanciare anche un messaggio positivo: «Il gruppo Bmw è in grado di gestire le situazioni difficili in maniera rapida e flessibile. Siamo cautamente ottimisti, perché come c'è un tempo di coronavirus, ci sarà anche un tempo dopo il coronavirus».

Oliver Zipse, ceo di Bmw

Sul versante puramente finanziario il cfo, Nicolas Peter, ha sottolineato che «gli effetti a lunga durata e le turbolenze sui mercati finanziari non sono prevedibili». In questo quadro, Bmw ha rivisto i target per l'anno in corso. La divisione automotive registrerà un significativo calo delle consegne, con il margine ebit, che prima era atteso tra il 6 e l'8%, ora stimato tra il 2 e il 4%. Per quanto riguarda la divisione moto, l'attesa è per un leggero calo delle vendite e un margine ebit tra il 6 e l'8%.

I servizi finanziari registreranno un calo dei nuovi contratti e un aumento delle spese di rischio. Come conseguenza di questo, l'attesa è di un roe leggermente inferiore a quello dello scorso anno. Per quanto riguarda la forza lavoro, si dovrebbe mantenere a livelli stabili rispetto a quelli del 2019. Infine, in merito al free cash flow, ha spiegato Peter, la precedente previsione era per un livello di 3 miliardi di euro, mentre «le valutazioni attuali sono perché sia positivo nel 2020».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti