LA PROVA DELLA SETTIMANA

Bmw X7, l’ammiraglia formato sport utility

di Mario Cianflone


default onloading pic

2' di lettura

Bmw X7 è arrivato sul mercato con un compito ben preciso: sfidare le concorrenti Audi Q7 e Mercedes GLS puntando a diventare il maxi suv più venduto. Costruita nello stabilimento americano di Spartanburg in South Carolina, la novità dell’elica non fa nulla per nascondere il suo Dna a stelle e strisce partendo dalle dimensioni perfette per il Texas ma al limite dell’utilizzabile per le strade di Milano.

Nonostante il lungo elenco di telecamere e di assistenti alla guida, X7 è semplicemente troppo grande per il traffico urbano. Lungo 5.151 millimetri, largo 2.000, alto 1.805 e con un passo di 3.105 millimetri, il suv tedesco si fa notare proprio per le misure oversize. Se però cercare parcheggio non è una necessità e l’ambiente urbano si frequenta sporadicamente, la protagonista della nostra prova è una perfetta compagna di viaggio. Gli interni sono un vero salotto viaggiante, in grado di ospitare fino a sette persone e garantire una capacità di carico da un minimo di 326 litri fino ad un massimo di 2120. Promosso anche il comparto tecnologico, con il recente sistema operativo Bmw 7.0 dotato di assistente vocale attivabile tramite “Hey Bmw” e poi modificabile a piacimento. Purtroppo compatibile solo con Apple CarPlay e inspiegabilmente non con Android Auto, il sistema si gestisce facilmente tramite lo schermo touchscreen da 12.3 pollici. Tutte le tre file di sedili sono dotate di prese Usb. Lasciato il traffico milanese puntiamo il cofano, dove batte la motorizzazione 6 cilindri 3.0 litri da 265 cavalli della versione 30d, verso l’autostrada e qui l’X7 mostra un carattere da vera ammiraglia. L’insonorizzazione è da riferimento, il cambio automatico a 8 marce si distingue per la fluidità e le sospensioni a controllo elettronico riducono il rollio nei percorsi ricchi di curve nonostante i quasi 25 quintali di massa. A questo si aggiunge un livello 2 di guida autonoma, con un lungo elenco di aiuti dal facile utilizzo. In caso di guida in fuoristrada, oltre alla trazione integrale di serie, è disponibile un pacchetto offroad impostabile sulle modalità sabbia, ghiaia, rocce e neve. Abbiamo consumato circa 7,5 litri per 100 km in un percorso misto. Passando ai prezzi, la vettura provata parte da 95mila euro, optional esclusi, per arrivare ai 120 mila della super potente M50d da 400 cv.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...