ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùaviazione

Boeing ci riprova con il 737 Max. Primi voli da New York a fine dicembre

Boeing ha introdotto i cambiamenti richiesti nel software del velivolo compreso il sistema automatico di controllo al volo, i cui malfunzionamenti sembrano siano stati alla base dei due crash in Indonesia e in Etiopia nei quali morirono tutte le 346 persone a bordo

dal nostro corrispondente Riccardo Barlaam

Incidente aereo in Etiopia, caratteristiche del Boeing 737 Max 8

Boeing ha introdotto i cambiamenti richiesti nel software del velivolo compreso il sistema automatico di controllo al volo, i cui malfunzionamenti sembrano siano stati alla base dei due crash in Indonesia e in Etiopia nei quali morirono tutte le 346 persone a bordo


3' di lettura

NEW YORK. Il Boeing 737 Max a fine anno torna a volare. American Airlines ha inserito nell’orario ufficiale i primi voli con il 737 Max dal 29 dicembre al 4 gennaio, nella tratta New York-Miami dall’aeroporto LaGuardia. Boeing ha introdotto i cambiamenti richiesti nel software del velivolo compreso il sistema automatico di controllo al volo, i cui malfunzionamenti sembra siano stati alla base dei due crash in Indonesia e in Etiopia nei quali morirono tutte le 346 persone a bordo. Incidenti aerei che hanno provocato la peggiore crisi della storia secolare del gigante aerospaziale, con la flotta del nuovo aereo a medio raggio costretta a terra da oltre un anno e mezzo, centinaia di ordini cancellati, migliaia di licenziamenti, danni per tutta la filiera e perdite miliardarie. Crisi alla quale si è aggiunta la pandemia del coronavirus che ha messo in ginocchio il settore dell’aviazione civile.

«È sicuro abbastanza»

Le autorità regolatrici negli ultimi mesi hanno indicato i progressi di Boeing per riottenere le certificazioni al volo. L’Agenzia europea per la sicurezza aerea Easa ha approvato i cambiamenti. Il direttore esecutivo Patrick Ky a metà ottobre ha dichiarato che il 737 Max «è sicuro abbastanza per essere certificato». Steve Dickson, ex pilota e amministratore della Federal Aviation Administration, ha guidato lui stesso in un volo test il 737 Max. La procedura di certificazione del regolatore Usa dovrebbe arrivare tra metà novembre e i primi di dicembre. Il ceo di Boeing Dave Calhoun ha confermato che è in dirittura d’arrivo.

Loading...

Ottenuta la certificazione, American e Boeing dovranno applicare le modifiche sulla flotta esistente e tutti i piloti dovranno effettuare un training di circa due ore su un simulatore di volo. La compagnia è ottimista e ha già previsto i primi voli di linea. Per il momento è prevista solo una rotta domestica, in attesa delle certificazioni nel mondo. Più prudente l’associazione sindacale dei piloti americani.

La possibilità di spostare la prenotazione

American continua a pianificare il futuro con l’aereo a medio raggio Boeing per rinnovare la sua flotta, con 24 aerei già consegnati e 76 ordinati. Nel Thanksgiving offrirà ai clienti la possibilità di vedere l’aereo negli scali di New York, Dallas e Miami. I piloti risponderanno alle domande attraverso call e video messaggi. «Cercheremo di spiegare l’affidabilità del Max - dice la chief customer officer Alison Taylor - ma i clienti che prenoteranno un volo potranno spostare la prenotazione su un altro velivolo se non si sentiranno tranquilli». United Airlines prevede di riavviare i voli «il prossimo anno». Southwest Airlines conta di ripartire «nella seconda metà del 2021».

Le linee aeree americane hanno perso oltre 10 miliardi nel terzo trimestre a causa del coronavirus. Trentacinquemila persone rischiano il licenziamento. I carriers in tutto il mondo hanno cancellato centinaia di ordini del 737 Max.

Un taglio di 30mila posti

Boeing prevede che il traffico aereo a fine anno arrivi al 30-35% rispetto ai livelli 2019, con il ritorno ai livelli pre-Covid in circa tre anni. Nel terzo trimestre ha perso oltre 5 miliardi, con l’indebitamento balzato a 61 miliardi, dai 19,2 del secondo trimestre. Dal marzo 2019 con la crisi del 737 Max ha bruciato oltre 22 miliardi di liquidità. Le azioni sono crollate del 52% da gennaio, il calo maggiore tra i 30 titoli del Dow Jones Industrial. Nel terzo trimestre Boeing ha riportato perdite per 1,39 $ ad azione, meglio delle stime degli analisti a 2,08 $. Vendite scese del 29%, a 14,1 miliardi (su stime di 13,8 miliardi). Il ceo in una lettera ai dipendenti ha comunicato che prevede di tagliare 30mila posti di lavoro (il 19% della forza lavoro pre-pandemia), tra uscite e licenziamenti. Il doppio di quanto previsto; per arrivare a una forza lavoro complessiva di 130mila persone a fine 2021.

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Riccardo Barlaamcorrispondente da New York

    Luogo: New York, USA

    Lingue parlate: inglese, francese

    Argomenti: economia, finanza e politica internazionale

    Premi: Premio Baldoni (2008), Harambee (2013), Overtime Film Festival (2017)

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti