SOSPESA LA GUIDANCE SUI CONTI

Boeing, conto salato per il 737 Max: almeno un miliardo di costi

di Riccardo Barlaaam


default onloading pic
Alcuni velivoli 737 Max nello scalo logistico di Victorville, in California (Afp)

2' di lettura

DAL NOSTRO CORRISPONDENTE
NEW YORK - Boeing ha sospeso le guidance sui conti 2019. Troppo pesanti e difficili da prevedere le perdite per la crisi causata dallo stop forzato ai jet 737 Max in tutto il mondo, in seguito ai due incidenti aerei in Indonesia e in Etiopia. Una crisi che per ora ha portato al gigante americano dei cieli in dote almeno 1 miliardo di maggiori costi.

Il percorso da fare per riprendere a decollare è ancora lungo. A causa dell'incertezza sui tempi e sulle condizioni per il ritorno in servizio dei 737 Max le stime sui conti di Boeing sono sospese: “le nuove guidance saranno fornite in una data futura”, fa sapere la società. Gli azionisti dovranno pazientare. Nel giorno in cui ha diffuso i conti del primo trimestre, il gigante aerospaziale Usa ha anche sospeso il suo programma di buyback.

I conti trimestrali di Boeing risentono di questa crisi che è la peggiore della storia secolare della società. Nei primi tre mesi l'utile netto è sceso a 2,15 miliardi, o 3,75 dollari ad azione. Rispetto ai 2,48 miliardi, o 4,15 dollari ad azione dello stesso trimestre 2018. Al netto delle voci straordinarie, i profitti sono calati a 3,16 dollari da 3,64 dollari ad azione, sotto le attese degli analisti che prevedevano 3,19 dollari ad azione. I ricavi sono diminuiti del 2% a 22,92 miliardi, di poco sotto il consenso degli analisti che parlava di 22,94 miliardi.
Nel dettaglio, il fatturato generato dagli aerei commerciali è sceso del 9% a 11,82 miliardi, meno degli 11,89 miliardi previsti dagli analisti; i servizi globali hanno garantito 4,62 miliardi di dollari di vendite, il 17% in più rispetto al primo trimestre del 2018 e oltre le stime di 4,45 miliardi.

Secondo gli osservatori, la crisi legata al 737 Max potrebbe costare a Boeing fino a 3 miliardi di dollari. Il ceo e presidente di Boeing Dennis Muilenburg ha detto in una nota che “siamo concentrati sulla sicurezza, sul riportare in servizio il 737 Max e riconquistare la fiducia dei consumatori, dei regolatori e dei passeggeri”. Muilenburg ha ammesso che questo “è un momento difficile per i nostri clienti, per i soci e per l'azienda”.

Boeing ha modificato il software sotto accusa per i due incidenti aerei in Etiopia e Indonesia costati la vita a 346 persone. Ma le modifiche non sono state ancora presentate alla Federal Aviation Administration, anche se è stato ribadito che questo avverrà presto, a maggio molto probabilmente. Tuttavia convincere i regolatori di tutto il mondo – e i passeggeri – della sicurezza del 737 Max potrebbe essere un passaggio complicato, lungo e costoso. Per questo la società ha sospeso le previsioni sui conti a tempo indefinito. Deve far ripartire il programma legato agli aerei di medio raggio che avrebbero dovuto essere il principale driver dei conti della società.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...