ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa crisi del vettore

Boeing, gli utili precipitano del 53%. Il 737 Max tornerà a volare a fine anno

Nel terzo trimestre il colosso dell'aerospazio americano ha riportato risultati sotto le stime degli analisti, ma il titolo è in positivo per le prospettive del via libera al volo dei 737 Max entro l'anno da parte dei regolatori e per il siluramento del top manager responsabile della gestione della crisi

di Riccardo Barlaam


default onloading pic

4' di lettura

NEW YORK - Boeing sta vivendo la sua peggiore crisi in 100 anni di storia, dopo i due disastri aerei dei 737 Max in Indonesia e in Etiopia nei quali hanno perso la vita 346 persone. Nel terzo trimestre Boeing ha riportato un calo degli utili del 53%, sotto le stime degli analisti. Il cash flow nel periodo è negativo, a 2,89 miliardi di dollari, in confronto al flusso di cassa positivo di 4,10 miliardi registrato nello stesso periodo dell'anno precedente. L'utile operativo è sceso a 895 milioni, o 1,45 dollari per azione. Da un utile di 1,89 miliardi di dollari, pari a 3,58 $ per azione, di un anno prima.

LEGGI ANCHE / Boeing affonda nella crisi dei 737 Max: titolo in calo del 7% in due giorni

Via libera ai 737Max entro l'anno
Nonostante i risultati poco incoraggianti a Wall Street le azioni del colosso dell'aerospazio americano sono in deciso rialzo per le prospettive del ritorno all'utile nel quarto trimestre, illustrate dai vertici della società durante la presentazione dei conti, per la possibilità auspicata da Boeing che possa arrivare entro la fine dell'anno il primo via libera da parte dell'ente regolatore al volo americano, la Federal Aviation Administration, a fare ripartire i 737 Max e per quelli dei regolatori europei attesi a gennaio e per le sostituzioni di manager appena avvenute ai vertici della società.

Tagli produzione e costi in aumento
Boeing ha tagliato la produzione del suo aereo di punta, il 787 Dreamliner, e ha confermato il ritardo per la presentazione del Boeing 777. Mentre hanno ancora influito sui risultati le attività per di uscire dalla crisi successiva ai due disastri aerei dei Boeing 737Max. I costi per il 737 Max sono aumentati di 900 milioni nel terzo trimestre, in aggiunta ai 2,7 miliardi di extra costi già annunciati nei mesi scorsi. A luglio Boeing ha inoltre accantonato 4,9 miliardi di dollari per compensare le compagnie aeree per i danni della messa a terra obbligata dei velivoli e i familiari delle vittime dei due incidenti.
I piani produttivi negli stabilimenti di Seattle per i 787 sono stati dunque rivisti al ribasso con 12 aerei prodotti al mese: non si arriverà ai 57 aerei prodotti al mese, previsti nel piano industriale dell'azienda prima dei due disastri aerei, sino alla fine del 2020. Molto dipenderà dal risultato dei negoziati commerciali con la Cina come fa notare Josh Sullivan, analista di Seaport: “I tagli alla produzione del 787 sono molto legati all'andamento dei negoziati sulla trade war, con un potenziale miglioramento degli obiettivi nei prossimi 12 mesi”, se arriveranno commesse da Pechino.

LEGGI ANCHE / Boeing, il ceo Muilenburg tace sui dazi all'Ue

Silurato Kevin McAllister
Un segnale positivo per gli analisti è stata la sostituzione avvenuta poche ore fa di Kevin McAllister, top manager responsabile della gestione della crisi dei 737Max. Finora nessun dirigente o dipendente di Boeing era stato licenziato o rimosso dal suo incarico per la crisi dei 737 Max. Ai vertici della divisione degli aerei commerciali è stato nominato Stan Deal un executive di vecchia data della società. Il board di Boeing l'11 ottobre aveva già dato un segnale di discontinuità con la decisione di togliere il titolo di chairman al ceo Denis Muillenburg, nominando come nuovo presidente non esecutivo David Calhoun che già sedeva nel board of directors.

I messaggi incriminati
Negli ultimi giorni le azioni Boeing avevano registrato una decisa contrazione dopo la pubblicazione dei messaggi risalenti al 2016 dei due tecnici della società sui problemi del sistema di controllo al volo dei 737 Max riscontrati prima delle certificazioni della Faa. Nei messaggi su WhatsApp il capo collaudatore di Boeing, Mark A. Forkner scrive al collega tecnico pilota Patrik Gustavsson che il sistema antistallo MCAS (Maneuvering Characteristics Augmentation System) - lo stesso legato ai due disastri aerei in Indonesia e in Etiopia nei quali hanno perso la vita 346 persone - in una sessione di simulazione di volo “funzionava fuori controllo”. In un altro punto scrive: “Ho praticamente mentito ai regolatori (inconsapevolmente)”. Nella conversazione digitale rivelata dalla Commissione dei Trasporti e delle Infrastrutture della Camera che indaga sulle certificazioni del 737 Max, il capo dei tecnici Boeing lamenta al suo collega di essere “così dannatamente occupato e sotto pressione” per i test sulla sicurezza.

L'aereo spinto in basso “più di venti volte”
I messaggi mostrano che i collaudatori di Boeing avevano identificato i problemi di sicurezza del 737 Max già nel 2016, anche se i dirigenti della Boeing hanno pubblicamente sostenuto dopo gli incidenti aerei del 29 ottobre 2018 in Indonesia e del 10 marzo 2019 in Etiopia che la società aveva seguito tutte le procedure interne e di certificazione della Faa che hanno prodotto aeroplani sicuri per decenni. Una versione completamente diversa dalle conclusioni del report del National Transport Safety Board reso noto in settembre secondo cui nei sei minuti precedenti lo schianto aereo in Indonesia il sistema MCAS ha spinto in basso “più di 20 volte” il naso del 737 Max prima di immergersi nel Mar di Java.

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Riccardo Barlaamcorrispondente da New York

    Luogo: New York, USA

    Lingue parlate: inglese, francese

    Argomenti: economia, finanza e politica internazionale

    Premi: Premio Baldoni (2008), Harambee (2013), Overtime Film Festival (2017)

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...