ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùGli strumenti per gli utenti

Bollette: dalle offerte al controllo dei consumi, ecco come risparmiare sui costi di luce e gas

Per tagliare la spesa gli utenti possono usare diversi strumenti che consentono di effettuare una scelta consapevole, ma è possibile anche ricorrere ad alcuni accorgimenti per razionalizzare i consumi

di Celestina Dominelli

Bollette, automatico il bonus sociale per 2,6 mln di famiglie

4' di lettura

Per contenere i consumi di energia elettrica e gas e quindi abbassare i costi della bolletta, è possibile agire su tanti fronti, a partire dal ridurre gli sprechi con comportamenti improntati a una buona condotta nei confronti dell’utilizzo delle risorse energetiche. Piccole accortezze che si possono mettere in campo per un consumo più razionale. Quali? Si può sicuramente cominciare spegnendo gli elettrodomestici durante la notte, anziché lasciarli in modalità stand by, oppure optare per lampadine a basso consumo o i led per contenere i costi associati all’illuminazione domestica. E ancora, orientarsi su elettrodomestici a risparmio energetico, scegliendo per esempio un microonde di classe A+ o A++ che assicura un risparmio energetico maggiore.

Gli accorgimenti da adottare per ridurre i consumi

Quanto ai consumi gas, anche in questo caso un primo significativo taglio della bolletta passa da comportamenti più responsabili che sono legati, innanzitutto, a un uso corretto del termostato se l’abitazione è dotata di una caldaia e non di uno scaldabagno che fa invece aumentare l’esborso in bolletta. Basti infatti ricordare, a questo proposito,che è bene non portare la temperatura del termostato al di sopra dei 21°C perché superando quell’asticella i consumi aumentano di circa il 7 per cento. Ulteriori economie, poi, si possono ottenere con una revisione periodica della caldaia in modo da intervenire tempestivamente su eventuali malfunzionamenti che finirebbero per scaricarsi sulla fattura energetica.

Loading...

I comparatori web per comparare le offerte

Fin qui le possibili contromisure da attuare all’interno della propria abitazione. Ma è chiaro che un risparmio in bolletta si può conseguire anche a monte scegliendo una tariffa conveniente sia per i consumi elettrici che per quelli di gas. Certo, destreggiarsi nella giungla di offerte presenti sul mercato non è semplice e il pressing di alcuni operatori, a caccia di nuovi clienti, che si presentano con proposte apparentemente assai allettanti, non agevola una scelta oculata. Per compiere quest’operazione, è però possibile avvalersi di uno strumento molto utile come il comparatore. In rete ce ne sono diversi, molti quelli forniti dagli stessi operatori, ma esiste anche un comparatore pubblico e totalmente indipendente, voluto dall’Autorità per l’energia, le reti e l’ambiente.

La piattaforma voluta dall’Authority per l’energia

Si tratta del portale offerte, attivo dal 1° luglio 2018, che contiene tutte le proposte sul mercato di vendita al dettaglio elettrico e gas naturale. Su questo sito pubblico clienti domestici, famiglie e piccole imprese possono confrontare e scegliere, senza costi, le offerte di elettricità e gas. In che modo? La piattaforma, realizzata e gestita dall’Acquirente Unico, sulla base di quanto disposto dall’Arera in attuazione della legge 124/2017, che ha previsto la fine dei servizi di tutela, mette a disposizione un motore di ricerca di semplice utilizzo e offre una serie di informazioni utili sui mercati dell'energia e sulle novità di legge previste.

Come confrontare le offerte presenti sul mercato

Per il confronto delle proposte, al cliente finale è richiesto di fornire alcune informazioni reperibili nella sua bolletta: dal consumo annuo di gas e/o energia elettrica al codice di avviamento postale (non tutte le offerte sono disponibili in tutte le zone del paese), fino al consumo per fasce orarie (nel caso dell'elettricità). Tali informazioni permettono al consumatore di visualizzare le offerte disponibili nella zona dove è collocata la sua utenza e di ottenere per ciascuna offerta una stima della spesa annua cui andrebbe incontro scegliendo l'una o l'altra offerta.

L’adesione a un gruppo d’acquisto

C'è poi anche un'altra possibilità se il consumatore vuole ottenere dei risparmi in bolletta: l'adesione a un gruppo d'acquisto rivolto a clienti finali domestici e piccole imprese che s'impegna ad assicurare informazioni e assistenza agli aderenti secondo le linee guida dell'Autorità. Tali gruppi nascono con l'obiettivo di selezionare uno o più venditori per la fornitura di energia elettrica e/o gas naturale ai clienti finali riuniti nel gruppo. Sono promossi da un “organizzatore” attraverso campagne che possono essere periodiche o permanenti, durante le quali singoli clienti finali possono aderire al gruppo. E, dopo aver selezionato le offerte commerciali più vantaggiose, il gruppo d'acquisto le propone ai propri membri che possono stipulare il proprio contratto di fornitura con il venditore alle condizioni stabilite. L'Autorità ha stabilito delle regole comportamentali specifiche cui i gruppi di acquisto che aderiscono devono conformarsi per un periodo iniziale di almeno due anni . Gli aderenti sono accreditati e compaiono in un elenco apposito consultabile sul sito dell'Authority (www.arera.it).

Il portale consumi

Per scegliere la tariffa più idonea o prima di aderire a un gruppo d’acquisto, può essere utile analizzare per qualche giorno i propri consumi o capire qual è il livello di consumo su un arco di tempo più esteso. Anche in questo caso, si può fare riferimento a uno strumento voluto dall’Arera: dal 1° luglio del 2019 è, infatti, operativo il Portale Consumi dell'Autorità per l'energia e l'ambiente, consultabile all'indirizzo www.consumienergia.it, che consente agli utenti di tenere sotto controllo i consumi registrati dalle bollette di luce e gas. Il sito, previsto dalla legge di Bilancio 2018, permette infatti di consultare i propri dati di consumo storici, elettrici e gas, in modo chiaro e fruibile. Per l’accesso servono le credenziali sicure dello Spid (il Sistema pubblico di identità digitale), con nome utente, password e la generazione di un codice temporaneo di accesso. Il Portale consente quindi di recuperare tutte le informazioni sui propri contratti di luce e gas: la denominazione del venditore o dei venditori, il tipo di mercato, come pure la data di inizio del contratto di fornitura e, se nota, della conclusione. E poi ci sono i dettagli sui consumi: dallo storico della fornitura alle letture per ciascun punto di prelievo, fino ai consumi calcolati tra due letture consecutive.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti