sezione di ala

Bomba carta contro sede della Lega in Trentino (dove Salvini è in tour elettorale)

di Nicola Barone


Bomba carta, Salvini: chi tira le bombe è un cretino da galera

2' di lettura

Un boato con vetri andati in frantumi della sede della Lega ad Ala, nel Trentino meridionale. Si tratta di una delle tappe del tour di oggi del leader del partito Matteo Salvini, per la campagna elettorale per le provinciali in Trentino. L’episodio è accaduto nella notte e, secondo le prime informazioni, si tratterebbe di una bomba carta. Di fronte alla sede è comparsa inoltre la scritta «Ancora fischia il vento».

Procuratore capo Trento: non ci sono fermati
Due i responsabili, già identificati e denunciati, secondo quanto riferito nella prima mattinata dal governatore del Trentino Ugo Rossi. Ma il procuratore capo di Trento, Sandro Raimondi, sottolinea: «Nessuna persona al momento è stata fermata». Sull’accaduto, riferisce, indagano Digos della polizia e carabinieri.

Salvini: non sono preoccupato, l’Italia è un paese sano
«Non sono preoccupato. L’Italia è un paese sano», commenta il responsabile del Viminale. «Sono stati gli anarchici - aggiunge -. Sono orgoglioso delle forze dell’ordine e dei nostri straordinari militanti che hanno già ripulito. Certi soggetti hanno capito che dopo decenni anche i Trentini vogliono voltare pagina e reagiscono con la violenza, ma non fermeranno il nostro sorriso e il cambiamento. Oggi pomeriggio sarò in Trentino Alto Adige per abbracciare tutti».

Faremo particolare attenzione ai centri sociali
«Da ministro dell’Interno una particolare attenzione magari la dedicheremo a qualche centro sociale che fa particolarmente casino e dà particolarmente fastidio - aggiunge Salvini -. Questo è un altro impegno che mi prendo per riportare un po’ di serenità».

Alle urne il 21 ottobre
La piccola regione autonoma andrà al voto il 21 ottobre, come sempre separatamente per ciascuna provincia, e la vera novità potrebbe riguardare non l'Alto Adige - che da vent'anni vede alla guida il centrosinistra autonomista - ma appunto il Trentino. È qui che la Lega sta mettendo i suoi pezzi da novanta a sostenere il candidato governatore, Maurizio Fugatti, sottosegretario leghista alla Salute dell’attuale governo, che attorno a sé ha raccolto altri otto partiti in coalizione, da Forza Italia a FdI, autonomisti e liste civiche.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...