il crack

Bond Deiulemar, in Tribunale la vertenza tra i curatori e Bank of Valletta

di Stefano Elli

2' di lettura

Inizierà il 29 ottobre prossimo di fronte alla sezione civile del Tribunale di Torre Annunziata la discussione della causa civile promossa dalla curatela della Deiulemar società di fatto nei confronti di Bank of Valletta. Non si tratta di una controversia di scarsa importanza quella che verrà risolta dal giudice Valentina Vitulano. Alle spalle infatti c'è un crack stimato in 850 milioni che ha coinvolto un'intera area geografica, quella di Torre del Greco, con 12mila investitori coinvolti nel collocamenti di bond tramutatisi in carta straccia alla fine del 2009.

Ma perché i curatori della società di fatto Giuseppe Castellano, Massimo Di Pietro e Antonio Denotaristefani di Vastogirardi hanno deciso di chiamare in giudizio la banca maltese? Perché è stato proprio grazie alle strutture operative dell'istituto di credito che è stata resa possibile la costituzione dei tre trust: il Capital, Giano e Gilda entro i quali secondo la curatela sarebbe confluita la parte più consistente della massa di liquidità degli obbligazionisti. In altri termini i curatori della Deiulemar società di fatto hanno individuato in Bank of Valletta (il cui controllo risulta detenuto al 25% dallo stato dell'isola e al 14,45% da UniCredit, come eredità di una partecipazione detenuta dal Banco di Sicilia) uno dei corresponsabili della creazione del meccanismo che ha portato alla polverizzazione del denaro degli obbligazionisti.

Loading...

«Tecnicamente - spiega l'avvocato dei curatori Monica Ceravolo - si tratta di un'azione revocatoria, o meglio di una declaratoria di inefficacia dei conferimenti patrimoniali effettuati all'interno dei trust maltesi». E di che cifre si sta parlando? «L'ultima stima disponibile è quella effettuata dalla Ernst & Young alla fine del 2009 che parlava di 363 milioni di euro».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti