Inaugurazione a Roma

Bonomi: «L’hub di Confindustria è simbolo dell’impegno delle imprese. Non abbassare la guardia sui vaccini»

Il centro vaccinale si trova all’interno dell’Auditorium della Tecnica ed è gestito dalla Regione Lazio. Saranno 212 gli hub vaccinali del sistema Confindustria in Italia

di Nicoletta Cottone

3' di lettura

«Per me è un onore e un privilegio testimoniare con orgoglio il senso di responsabilità che le imprese hanno dimostrato da più di un anno per aiutare a uscire dalla crisi sanitaria. Questo hub è simbolo con cui vogliamo testimoniare l’impegno di Confindustria e delle imprese a supporto del Paese e a fianco delle istituzioni». Lo ha detto il presidente di Confindustria Carlo Bonomi, durante la conferenza stampa di inaugurazione del nuovo hub vaccinale allestito presso l’Auditorium della Tecnica di Confindustria e gestito dalla Regione Lazio. «A fianco delle istituzioni - ha sottolineato il presidente Bonomi - oltre 7mila imprese hanno dato la propria disponibilità come hub di collettività, perché questo è quanto serve per uscire dalla crisi».

La sala del nuovo centro vaccinale di Confindustria a Roma dove i pazienti attenderanno dopo la somministrazione del vaccino

Bonomi: «Non abbassare la guardia sui vaccini, Paese non ancora fuori rischio»

«L'accordo sui vaccini in azienda è la più grande testimonianza di collaborazione tra istituzioni e imprese. Dobbiamo continuare ad accelerare e non abbassare la guardia perché il paese non è ancora uscito dalla pandemia: siamo sulla giusta strada, ma non siamo ancora fuori. Anzi giugno e luglio saranno determinanti per impegnarci ancora più fondo», ha ricordato il presidente degli industriali italiani.

Loading...

Le postazioni dove verrà somministrato il vaccino nell’hub vaccinale di Confindustria a Roma

Speranza: «Serve un patto per il paese, nessuno vince da solo»

«Nessuno ce la fa da solo, non basta un ministro, un assessore, un commissario. Non basta neanche il governo da solo ma serve un grande patto paese che declini e gestisca questa fase, speriamo l'ultima, di una pandemia che ci ha pesantemente ferito per poter programmare il futuro: trasformare una crisi in cui ancora siamo in una grande opportunità di ripartenza», ha detto all’inaugurazione il ministro della Salute Roberto Speranza. «Un patto - ha sottolineato - in cui ciascuno faccia la propria parte fino in fondo. Ci possiamo arrivare perché questo è un grande Paese che sa essere all'altezza delle attese dei cittadini e che ha le energie e le competenze che ho avuto le energie e le competenze per gestire mesi difficili di emergenza e ora per programmare il futuro. E anche questo hub ha dunque un messaggio di ragionata fiducia per una sfida che sapremo vincere».

Bonomi: «Bene Patto Paese, tempo scuse è finito»

«Patto Paese? Mi ritrovo nelle parole del ministro Speranza, ricordo che a già settembre dell’anno scorso all’assemblea pubblica di Confindustria avevo chiesto un patto per l’Italia, perché solo lavorando tutti insieme riusciremo a uscire forti da questa crisi», ha precisato il presidente di Confindustria.

Il ministro: «Servono ancora precauzioni»

«Sono sempre molto cauto, prudente, ma credo che, restando con i piedi per terra, possiamo dare un messaggio di ragionata fiducia. Ancora il virus circola, dobbiamo stare attenti, prendere ancora tante precauzioni e soprattutto accelerare questa campagna di vaccinazione. Ma tocchiamo con mano una fase già diversa, le vaccinazioni effettuate ci consentono di programmare i prossimi mesi con ragionata fiducia», ha ricordato il ministro Speranza. E ha sottolineato che ogni volta «che un hub parte, che avvia il suo lavoro è un contributo fondamentale al nostro obiettivo: chiudere questa stagione cosi’ drammatica».

La sala d’attesa dell’hub vaccinale di Confindustria a Roma

Figliuolo: «Dalle aziende altri 212 punti vaccinali»

«Siamo a 2.658 punti vaccinali attivi in tutta Italia e circa 800 se ne aggiungeranno, di cui 212 di Confindustria. L’Italia ha già tutto basta avere la volontà». ha detto il commissario straordinario all’emergenza coronavirus, generale Francesco Paolo Figliuolo, nel corso della conferenza stampa per l’inaugurazione dell’hub vaccinale di Confindustria. A breve ha detto il commissario, altri 800 punti vaccinali si aggiungeranno ai 2.658 già presenti.

In corso la distribuzione di 3,4 mln di dosi Pfizer

«In queste ore stiamo distribuendo circa 3 milioni e 400mila dosi di Pfizer, che è il carico più grosso avuto dall’Italia in un’unica mandata», ha detto il commissario straordinario Figliuolo. «Oggi - ha detto il commissario - supereremo i 35 milioni di somministrazioni con 23 milioni di prime dosi. Questo dà l’idea di quello che stiamo facendo assieme», ha detto Figliuolo che ha precisato che come prime dosi siamo al 91 % di vaccinati over 80, all’83 % di over 70 e al 71% di over 60. «Basta? No, dobbiamo continuare e non mollare la guardia, adesso anche con procedure proattive andando a cercare le persone da vaccinare», ha sottolineato Figliuolo.

Per le vaccinazioni ai 12-15enni ci affidiamo ai pediatri

Nel corso della conferenza stampa il commissario straordinario all’emergenza coronavirus, generale Francesco Paolo Figliuolo, ha detto che «per la fascia 12-15 anni, oltre due milioni di ragazzi, dobbiamo affidarci ai pediatri di libera scelta».

D’Amato: «É il momento di imprimere una accelerazione, giugno-luglio decisivi»

«É il momento di imprimere un’accelerazione, giugno e luglio saranno mesi decisivi. Guai a pensare che con dati positivi, contagi e incidenza in calo possiamo anche a fare di meno di vaccinarci, sarebbe un grande errore», ha detto l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, all’inaugurazione dell’hub vaccinale di Confindustria a Roma.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti