ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùForum Piccola Industria di Confindustria

Fisco, Bonomi: «Per taglio cuneo possibili risorse per 40-50 miliardi»

Dal forum della Piccola Industria il numero uno di Viale dell’Astronomia torna sul provvedimento appena approvato dal governo Meloni

Pensioni, Bonomi: "Serve riforma, non si va avanti con quote"

4' di lettura

Occorre fare «interventi importanti per il mercato lavoro, primo il taglio del cuneo fiscale», ha sottolineato il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, intervenuto a margine del Forum della Piccola Industria in Veneto, a Mogliano Veneto (Treviso). Per mettere i soldi nelle tasche degli italiani, ha aggiunto, «bisogna tagliare le tasse» e «credo che in paese che spende oltre 1.000 miliardi di euro possa riconfigurare il 4%-5% di spesa, quindi vuol dire 40-50 miliardi, e avere le risorse per fare questo intervento».

Quanto alle possibili mosse future, Bonomi si è detto convinto che «se questo governo avrà la capacità di mettere insieme quei provvedimenti necessari a scavallare il 2023 che sarà un anno complicato credo che ripartiremo in maniera molto forte». «Noi abbiamo un gap fiscale con alcuni altri Paesi Ue ben chiaro - ha continuato -, sia sul tema delle imposte che sui contributi previdenziali. Chiediamo da tempo un taglio del cuneo, è lì che bisogna intervenire».

Loading...

Al Forum ha partecipato anche il ministro delle Imprese e del made in Italy Adolfo Urso. «Non si può fare tutto e subito - ha sottolineato - , possiamo fare ciò che è possibile e tracciare la rotta. Il taglio del cuneo fiscale sarà per 2/3 per il lavoratore e 1/3 per l’ azienda. Dobbiamo alzare i salari - ha aggiunto - e questo avverrà gradualmente nel tempo. Soltanto innalzando i salari sarà possibile incentivare il lavoro».

Bonomi: misure positive nel nuovo Dl Aiuti, ma manca intervento strutturale sul lavoro

Per quanto riguarda poi l’ultimo provvedimento approvato dall’esecutivo Meloni per sostenere famiglie e aziende travolte dal caro bollette, il presidente di Confindustria ha chiarito: «Abbiamo visto del provvedimenti positivi, le risorse stanziate per contenere il caro bollette il provvedimento sul gas release, l’intenzione comunque di la barra dritta sulla finanza pubblica. Quello che secondo noi sta mancando è un intervento strutturale sui temi del lavoro». Dal numero uno dell’associazione datoriale è dunque giunto un giudizio sostanzialmente positivo sul provvedimento pur con dei distinguo.

Superbonus: spiegazioni Giorgetti ci tranquillizzano

Bonomi passa quindi in rassegna i tasselli principali del decreto licenziato dall’esecutivo, a partire dalla stretta decisa sul superbonus. Per quanto riguarda il rischio del blocco dei cantieri connesso al superbonus, spiega Bononi, «ritengo che il governo abbia fatto una riflessione su quello che è lo stock dei crediti che potenzialmente ha in sé un rischio di creare una moneta parallela, e quindi ha dovuto per forza intervenire per bloccare questo questo rischio. Le dichiarazioni però che son state fatte ministro Giorgetti, che sono comunque quelle di continuare a sostenere il settore - prosegue - ci tranquillizzano».

Trivelle: produzione in sicurezza è interesse Paese

Poi sposta lo sguardo sullo sblocca trivelle che sta creando parecchie frizioni anche all’interno della maggioranza. «Mi sembra che nel provvedimento sia stata identificata una zona ad oltre diciotto chilometri dalla costa che dovrebbe scongiurare quegli effetti di bradisismo che preoccupano», precisa con riferimento alla mossa del governo di riattivare le trivellazioni in Alto Adriatico per ottenere nuovi flussi di gas metano. «Credo - prosegue - che siamo in un momento in cui tutti stiamo soffrendo, abbiamo ricevuto tutti le bollette di conguaglio delle spese condominiali, non c’è una famiglia italiana che non sia stata colpita. Noi negli anni novanta avevamo una produzione nazionale di venti miliardi di metri cubi, oggi siamo a poco più di due»”. Poter pensare di avere un ulteriore impulso della produzione nazionale in sicurezza, chiarisce, «è nell’interesse di questo paese. Non sono un geologo quindi saranno i tecnici a dire quali giacimenti potranno essere utilizzati con sicurezza rispetto a eventuali impatti ambientali».

Migranti: attenti alle strumentalizzazioni

Quindi un passaggio sui migranti. «È un tema che si presta a strumentalizzazioni. Bisognerebbe stare nel merito delle cose, dispiace che questa strumentalizzazione porti a tensioni con alcuni stati membri quando bisognerebbe sedersi intorno a un tavolo e lavorare alla riforma del patto di stabilità. Bisognerebbe tutti lavorare nell’interesse del Paese».

Milano-Cortina: commissari o non faremo in tempo

Dai giornalisti arriva anche una domanda sulle prossime Olimpiadi di Milano-Cortina. «C’è il commissario, sarà necessario per arrivare a compimento di alcune infrastrutture fondamentali di commissariare, avere due-tre commissari per alcune opere fondamentali, perché sennò non riusciremo ad averle in tempo».

Dl aiuti: Baroni, per ora annunci attendiamo fatti

«Siamo agli annunci, non credo ci si misuri sugli annunci ma sui fatti. Alcune cose riteniamo possano essere utili, ad esempio la riapertura di produzioni nazionali di idurocarburi». È il commento di Giovanni Baroni, presidente della Piccola industria di Confindustria alle ultime misure dell’esecutivo in campo economico fatto a margine del suo intervento a Mogliano Veneto. «Non vorremmo però trovarci nelle situazioni ad esempio del rigassificatore di Piombino o delle centinaia di impianti di energia fotivoltaica bloccati al palo». Relativamente ai progetti di trivellazione in Alto Adriatico, Baroni ha detto di ritenere che vi siano «le competenze per fare le cose per bene. L’industria ha sempre migliorato tecnologie, impatti ambientali, la sicurezza dei lavoratori. Gli strumenti - ha proseguito - ci sono tutti per un approccio rigoroso e scientifico. I croati, del resto, fanno abbondante utilizzo di questi giacimenti».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti